Irruzione in caserma, ferito carabiniere del Gis durante il blitz

Una negoziazione infruttuosa, andata avanti tutta la notte, al termine della quale un team del Gis, reparto speciale dell’Arma dei carabinieri, con una unità cinofila d’assalto, ha fatto irruzione nella caserma di Asso, in provincia di Como, dove il brigadiere Antonio Milia si era barricato dopo aver sparato, uccidendolo, al comandante di stazione Doriano Furceri. Milia, alla vista del cane, ha esploso un colpo di arma da fuoco, colpendo al ginocchio uno dei carabinieri del Gis, ferito in maniera non grave, che è uscito zoppicando dalla caserma di Asso.

Il blitz nella caserma è avvenuta alle 5.40 del mattino dopo ore di trattative. Le teste di cuoio hanno catturato Milia e liberato una donna carabiniere, che si trovava in una camerata della caserma, e le famiglie degli altri militari che comunque non sono mai stati in pericolo.

LEGGI ANCHE Chi era Doriano Furceri, il comandante dei Carabinieri ucciso dal brigadiere ad Asso

error: ll Contenuto è protetto