«SONO UN POLIZIOTTO» FERMATO DAI CARABINIERI. TORNATO IN RADIO HA SCHERZATO SUL SUO ARRESTO: «MI TATUERÒ “SEI UN PIRLA”»

(di Michele Focarete) – Quando i carabinieri lo hanno fermato, si è
qualificato come un poliziotto dell’antiterrorismo. E ha mostrato una radio
ricetrasmittente in grado di intercettare le frequenze della polizia e un
distintivo di latta delle forze dell’ordine a suo nome, Luciano Fronti.

L’uomo,
che aveva in tasca anche una pistola ad aria compressa, nascondeva in casa
della droga, 14 grammi di marijuana. Non solo: gli investigatori hanno poi scoperto
che Luciano Fronti, 50 anni, altro non è che il noto dj Giuseppe di Radio 105.
L’uomo è stato arrestato per detenzione di sostanza stupefacente, possesso
ingiustificato di arma, captazione di conversazioni private, segni distintivi
falsi. Ai carabinieri Fronti non ha saputo dare nessuna spiegazione. Poi,
all’udienza per direttissima, davanti al giudice Aurelio Barazzetta, se n’è
uscito con questa scusa: «Volevo vigilare sul territorio, dare una mano alle
forze dell’ordine».
Il
rumore della radio
L’episodio è accaduto lunedì alle 20, quando una
pattuglia del Radiomobile dei carabinieri era in servizio antirapina davanti al
supermercato Simply , in piazza Dergano, alla Comasina. A un certo punto, hanno
sentito il rumore di una ricetrasmittente simile a quella che hanno loro in
dotazione. Incuriositi e convinti di avere a che fare con un collega, si sono
avvicinati a Fronti per chiedere chi fosse, magari uno «dei nostri». Il dj ,
invece, ha risposto che era un poliziotto e ha mostrato un distintivo. E ha poi
aggiunto: «sono dell’Antiterrorismo». A questo punto i militari gli hanno
chiesto i documenti e lo hanno perquisito. In tasca aveva una pistola ad aria
compressa, senza tappo rosso, in grado di sparare piombini calibro 4,5. Da
ulteriori accertamenti è emerso che il distintivo era falso e che Fronti aveva
antichi precedenti di polizia. È scattata così la perquisizione a casa, nella
quale sono stati trovati 14 grammi di marijuana.
La
carriera
Luciano Fronti, in arte dj Giuseppe, conduce i
programmi radiofonici 105 Music & Cars su Radio 105 insieme con Alvin e
Tutto esaurito. Fino a qualche anno fa, secondo le rilevazioni audiradio, 105
Music & Cars risultava essere il programma più ascoltato fra tutte le
emittenti sia private che pubbliche nella fascia oraria 16-17 con circa il 9%
di share. In passato, Dj Giuseppe ha lavorato anche allo Zoo di 105. Per oltre
20 anni si è esibito nelle più famose discoteche italiane, realizzando di tanto
in tanto anche delle produzioni discografiche e compilation.
Pena
sospesa
Martedì mattina, Fronti si è presentato davanti al
giudice Aurelio Barazzetta. L’arresto è stato convalidato, ma la pena è stata
sospesa. L’imputato ha patteggiato sei mesi per il possesso di distintivo falso
e della radiotrasmittente. Non è stato perseguito per la droga e per la pistola
ad aria compressa.
Il
tatuaggio

«Stasera vado a fare dei tatuaggi nuovi per avere un
look più da galeotto. Magari “sei un pirla”, così mi ricordo cosa ho fatto».
Terminato il patteggiamento, dj Giuseppe ha fatto in tempo a presentarsi negli
studi di Radio 105 e ha ironizzato in diretta sulla sua disavventura con la
giustizia. Durante il suo programma «Music and Cars», in onda tutti i giorni
dalle 16 alle 18, con la collega di microfono Fabiola ha affrontato subito la
questione senza nascondersi, anzi ci ha scherzato subito sopra con gli
ascoltatori.