ISCHIA, LA POLIZIA RINUNCIA ALL’INDENNITÀ ECONOMICA PER AIUTARE I BIMBI TERREMOTATI

(d Pasquale Raicaldo) – Hanno rinunciato a una delle indennità di natura economica previste per il servizio supplementare sui luoghi del terremoto che lo scorso 21 agosto ha colpito i comuni di Casamicciola Terme e Lacco Ameno, sull’isola d’Ischia. E la destineranno ai bambini che hanno pagato le conseguenze del sisma: gli “sfollati” (circa duemila le persone che hanno dovuto optare per soluzioni abitative alternative) e gli orfani dell’Istituto Santa Maria della Provvidenza di Casamicciola, guidato da suor Edda. Un gesto di profonda solidarietà arriva dagli agenti del commissariato di polizia di Ischia.

“Quando ho proposto ai miei uomini di contribuire, nel nostro piccolo, a regalare qualche sorriso ai bimbi meno fortunati, reduci dalla traumatica esperienza del sisma, ho trovato una piena ed entusiastica adesione”, racconta il vice questore aggiunto, Alberto Mannelli, che il prossimo 20 dicembre consegnerà una cifra significativa, attraverso buoni spesa per generi alimentari e giochi, nel corso della manifestazione “Il Natale del poliziotto”.

Per assistere i bambini “sfollati”, Ischia ha messo in campo nel corso degli ultimi tre mesi una serie di iniziative, nate prevalentemente dallo sforzo propulsivo delle associazioni, Caritas diocesana in primis: affiancamento psicologico, animazione con giocolieri e artisti di strada, laboratori. Tra i disagi, anche la chiusura delle scuole di Casamicciola, con gli studenti costretti ai doppi turni nelle scuole degli altri comuni. Il nobile gesto dei poliziotti potrà così contribuire ad addolcire il primo Natale lontano da casa. (Repubblica.it)