I militari potranno tenersi i loro “cani in pensione”

I cani militari che vanno “in pensione” dopo aver svolto l’attività di sensore di esplosivi, saranno assegnati in via prioritaria ai loro conduttori, che potranno anche fruire di assistenza veterinaria per un massimo 1.200 euro all’anno.

Lo ha detto il sottosegretario alla Difesa, Angelo Tofalo, rispondendo ad un’interrogazione alla commissione Difesa della Camera. “I nuclei cinofili dell’Esercito, composti da un militare qualificato conducente cinofilo ed un cane qualificato Military Working Dog – ha spiegato Tofalo – sono uno strumento operativo che costituisce, per i nostri i militari in Patria in Patria e all’estero, un significativo sensore in grado di rilevare la presenza di sostanze esplosive”. La vita operativa dell’animale termina quando non è più in grado di garantire gli standard richiesti dall’impiego.

Leggi anche La Difesa francese seleziona 40 progetti contro il coronavirus

I cani non più idonei sono riformati con deliberazione di una apposita commissione e ne viene autorizzata la cessione. Il decreto legislativo 173, ha spiegato il sottosegretario, prevede che “il personale militare conduttore dei cani delle Forze armate riformati, in quanto non più idonei al servizio, possa ottenerne, in via prioritaria, la cessione a titolo gratuito”.

Leave a Reply