Ucraina, ex Sisde Mori: “Espulsione diplomatici Russia scontata, ma 30 è numero notevole”

“Una decisione scontata perché fa parte del complesso delle predisposizioni contro l’attuale regime russo. E’ un classico delle diplomazie, non è un’azione particolarmente provocatoria. Si fa normalmente, qualche volta anche sottobanco, senza che lo sappia nessuno. Stavolta, però, è significativo il numero dei diplomatici russi espulsi, che è veramente notevole”. Così all’AdnKronos l’ex direttore del Sisde, Mario Mori, commenta la decisione del governo italiano di espellere 30 diplomatici in servizio presso l’Ambasciata russa in Italia in quanto persone non grate.

“L’espulsione dei diplomatici russi – osserva Mori – è frutto di un accordo fra gli ‘alleati’, intereuropeo se non addirittura concordato con gli Stati Uniti. Fa parte, dunque, delle misure contro la Russia. Ma significa poco. Si tolgono dei funzionari che nel tempo verranno rilevati da altri probabilmente con le stesse funzioni, e l’espulsione provocherà da parte della Russia un analogo provvedimento che, tutto sommato, può essere più significativo rispetto al danno che produciamo noi, perché probabilmente, se da parte russa si agirà su un numero equivalente, 30 funzionari diplomatici dell’ambasciata italiana a Mosca non so, addirittura, se ce l’abbiamo. Ma sono danni ben calcolati”.

“L’espulsione dei diplomatici russi – osserva Mori – è frutto di un accordo fra gli ‘alleati’, intereuropeo se non addirittura concordato con gli Stati Uniti. Fa parte, dunque, delle misure contro la Russia. Ma significa poco. Si tolgono dei funzionari che nel tempo verranno rilevati da altri probabilmente con le stesse funzioni, e l’espulsione provocherà da parte della Russia un analogo provvedimento che, tutto sommato, può essere più significativo rispetto al danno che produciamo noi, perché probabilmente, se da parte russa si agirà su un numero equivalente, 30 funzionari diplomatici dell’ambasciata italiana a Mosca non so, addirittura, se ce l’abbiamo. Ma sono danni ben calcolati”.

“E’ tradizione della diplomazia: all’espulsione di qualche funzionario col passaporto diplomatico corrisponde, da parte dell’altro Paese, che non l’accetta mai qualunque sia la realtà, un analogo provvedimento- sottolinea Mori -, credo, dunque, che la reazione da parte della Russia sarà questa. Che poi questo episodio possa contribuire a sommare la serie di fatti negativi stimati dalla Russia e perpetrati dalla nazione italiana, questo è un altro aspetto, ma dal punto di vista specifico la reazione sarà solo di quel tipo”.

“I funzionari delle ambasciate, in genere, sono perlomeno degli informatori del proprio Paese nel Paese ospite – osserva Mori -, probabilmente fra questi 30 ce ne saranno alcuni veramente e specificatamente dediti allo spionaggio, in particolare quella componente, che ci sarà, di appartenenti al servizio militare russo, il Gru. Poi ce ne saranno altri che saranno meno coinvolti, ma è una valutazione di larga scala, quindi prende un po’ tutti”. Quanto, infine, al tipo di attività spionistica che i diplomatici russi espulsi possono aver svolto in Italia, Mori chiosa: “Facevano tutte le attività spionistiche proprie di una nazione come la Russia, che è sempre molto attiva in questo settore, quindi direi non particolarmente versati magari al problema attuale, ma in genere allo spionaggio di tutte quelle attività ritenute importanti dalla Russia e che si svolgono in Italia, quali attività economiche, industriali, anche militari”.

Commenti Facebook

Un pensiero su “Ucraina, ex Sisde Mori: “Espulsione diplomatici Russia scontata, ma 30 è numero notevole”

  • Pingback: Riapre l'ambasciata italiana in Ucraina - INFODIFESA

I commenti sono chiusi.

error: Content is protected !!