Ucraina, Di Maio: “Ci opporremo a un intervento militare della Nato”

“Ci opporremo a un intervento militare della Nato nella guerra in Ucraina, perché questo porterebbe a una Guerra mondiale militare”.

Così il ministro degli Esteri, Luigi di Maio, a margine dell’inaugurazione di un centro famiglia a Pomigliano d’Arco (Napoli). “Siamo già in una guerra mondiale – ha spiegato il titolare della Farnesina – ma fortunatamente non dal punto di vista militare”.

Draghi: “Difendiamo la vita umana e aiutiamo chi ha bisogno”

“L’Italia ha accolto i rifugiati dall’Ucraina a braccia aperte. Oltre 85 mila di loro – per la maggior parte donne e bambini – hanno cercato nel nostro paese rifugio dalla guerra. Gli italiani hanno spalancato le porte delle proprie case e delle scuole. Non ci giriamo dall’altra parte”. Lo ha detto Mario Draghi nel suo videomessaggio all’evento finale della campagna di raccolta fondi internazionale ‘Stand up for Ukrainè in corso a Varsavia. Oltre ai 610 milioni per i profughi e per l’assistenza finanziaria al governo ucraino, “abbiamo fornito – ha aggiunto il premier – ulteriori aiuti a coloro che si trovano in Ucraina e nei paesi limitrofi, attraverso la Croce Rossa Internazionale e altre organizzazioni. Di fronte alla guerra, difendiamo la vita umana e aiutiamo chi ha bisogno”.

Ucraina, Berlusconi: “Profondamente addolorato da Putin”

“Non posso e non voglio nascondere di essere profondamente deluso ed addolorato dal comportamento di Vladimir Putin, che si è assunto una gravissima responsabilità di fronte al mondo intero”. Così il leader di Forza Italia, Silvio Berlusconi. “Di fronte all’orrore dei massacri di civili a Bucha e in altre località ucraine, veri e propri crimini di guerra, la Russia non può negare le sue responsabilità. Dovrebbe al contrario, nel suo stesso interesse, identificare e mettere sotto processo i responsabili di comportamenti che il diritto e la morale considerano inaccettabili anche in tempo di guerra”.

Commenti Facebook
error: Content is protected !!