Tenta di violentarla nel sottopasso. Carabiniere fuori servizio la sente urlare, insegue in bici il maniaco e lo blocca

Una tentata violenza sessuale nel sottopasso, un uomo arrestato dai carabinieri. È successo nel tardo pomeriggio di ieri, poco dopo le 17.30, lungo l’argine del taglio, percorso ciclo pedonale che percorre il canale da Mirano a Marano. Una ragazza stava passeggiando quando, arrivata al sottopasso che attraversa viale Venezia, è stata aggredita da un uomo.

Tentata violenza nel sottopasso

Non è chiaro, al momento, in che termini l’aggressore avrebbe cercato di molestare la giovane, al momento l’episodio è al vaglio della procura della Repubblica che ha vietato ai suoi investigatori la diffusione di qualunque particolare sull’accaduto. A quanto è stato possibile ricostruire, le urla della giovane avrebbero attirato l’attenzione di un carabiniere fuori servizio che si sarebbe lanciato in suo soccorso. L’uomo, a quel punto, avrebbe mollato la presa e sarebbe fuggito lungo via Taglio. Il carabiniere si sarebbe lanciato all’inseguimento in bicicletta, chiamando nel frattempo i colleghi, subito arrivati in supporto. L’inseguimento non è passato inosservato: diversi passanti si sono fermati, anche dall’altra parte della strada, per osservare e capire cosa stesse accadendo. L’uomo alla fine è stato raggiunto, arrestato e portato in caserma. La sua posizione verrà vagliata nelle prossime ore: i carabinieri cercheranno di raccogliere la sua versione, poi verrà formalizzato l’arresto. La ragazza, nel frattempo, verrà sentita e le sarà fornito ovviamente supporto medico e psicologico. Fortunatamente la reazione e l’intervento tempestivo del militare fuori servizio hanno evitato conseguenze più gravi.

Parco sicuro

Un episodio del genere non si era mai verificato prima in questa zona. L’argine del Taglio è, infatti, una delle aree verdi più frequentate di Mirano, ricavato lungo la storica opera idrica artificiale, realizzata dalla Serenissima nel ‘500. Si tratta di un percorso lungo oltre tre chilometri che collega la frazione di Mira, Marano, dove si trova la stazione ferroviaria, al centro di Mirano (sbuca proprio di fronte al teatro). Meta prediletta per gli appassionati della corsa, della bicicletta e delle passeggiate, negli anni era sempre stato un’area estremamente sicura.

Il precedente

Nel Miranese per trovare un’aggressione simile bisogna fare un salto indietro di 7 anni. Nel 2015, a Martellago, un cittadino straniero aggredì una quarantenne nel sottopasso pedonale della stazione di Maerne. La donna era stata violentata, costretta a un rapporto sotto la minaccia di un coltello. L’uomo, per convincerla delle sue intenzioni, l’aveva prima sfregiata in volto. Un episodio cruento che, allora, aveva sconvolto l’intera comunità. (IL GAZZETTINO)

error: ll Contenuto è protetto