Sergio Costa, il Generale dell’Arma ora Vice Presidente della Camera dei Deputati

A un giorno di distanza dalla nomina dei capigruppo, sono stati eletti anche i vice di Camera e Senato. Nessuno di questi rappresenta il Terzo Polo.

Il Terzo Polo fuori dall’ufficio di presidenza di Camera e Senato. Il centrodestra chiude l’intesa sui vicepresidenti: Fabio Rampelli (Fdi) e Giorgio Mulè (Forza Italia) alla Camera, Gian Marco Centinaio (Lega) e Maurizio Gasparri (Forza Italia) al Senato. Torna l’asse Pd-Cinque stelle con Anna Ascani e Sergio Costa a Montecitorio, Mariolina Castellone (M5S) e Anna Rossomando al Senato.

La biografia di Sergio Costa

Nato a Napoli nel 1959, dopo aver conseguito la laurea in Scienze Agrarie arricchita poi da un master in Diritto dell’Ambiente, Costa entra nel Corpo Forestale sino a diventare Comandante Regionale della Campania.

Un incarico questo che è stato mantenuto fino al 2016, anno in cui il Corpo è stato sciolto per essere accorpato all’Arma dei Carabinieri.  Durante la sua carriera, Costa si è occupato anche delle discariche abusive nel Parco del Vesuvio e ha condotto indagini sul traffico internazionale dei rifiuti, in collaborazione con la Direzione nazionale antimafia. Nel 2018 è stato nominato ministro dell’Ambiente nel governo Conte ed è stato riconfermato nel Conte 2. Eletto alla Camera dei Deputati nel 2022, ha battuto Luigi Di Maio nel collegio di Napoli Fuorigrotta.

Assieme all’impegno in Campania nella lotta contro i reati ambientale, il generale è stato coinvolto negli scorsi anni anche in indagini internazionali sul traffico illecito dei rifiuti oltre che a collaborare con la Direzione Nazionale Antimafia sempre in quest’ambito. Come detto la figura di Sergio Costa è legata all’indagine sulla Terra dei Fuochi, la più grande discarica abusiva d’Europa sita in provincia di Caserta che è stata scoperta proprio dal generale nei primi anni del nuovo millennio.

Nel dettaglio, si tratta di un territorio di circa 1.000 chilometri quadrati, dove vivono più di 2 milioni di persone, sotto il quale negli anni sono stati sversati in maniera illegale ingenti quantità di rifiuti anche tossici.

error: ll Contenuto è protetto