Questura Milano smorza polemiche su controllo polizia a Bakayoko “Modalità coerenti visto allarme in atto”

Sta suscitando molti commenti e polemiche sul web, un video diventato virale in cui si vedono alcuni poliziotti milanesi controllare, per strada, con le pistole spianate, due persone. Uno di questi è Tiémoué Bakayoko, calciatore del Milan, con l’intervento che è subito terminato quando è emersa la sua identità. Alcuni utenti hanno polemizzato sull’operato degli agenti, accusandoli anche di “razzismo”, o al contrario, di “mollare tutto” appena scoperto che il perquisito era un calciatore.

La replica della Polizia

“Sono commenti fuori luogo – spiegano in Questura – il controllo è scattato perché Bakayoko e l’altro passeggero corrispondevano perfettamente, per un caso, alle descrizioni, e ovviamente è terminato quando ci si è resi conto di aver fermato una persona che non c’entrava”. Secondo quanto precisato dalla Polizia di Stato, infatti, la notte precedente c’erano state risse, anche con colpi d’arma da fuoco (poi rivelatasi non di pistola) tra stranieri, e si cercava un suv scuro con a bordo due uomini, uno dei due di colore con una maglietta verde.

 

Corrispondendo all’alert, alle 6 del mattino successivo, lo scorso 3 luglio, le Volanti hanno effettuato il controllo e trattandosi di una segnalazione che faceva seguito a un episodio con possibili armi da fuoco, gli agenti hanno operato con le pistole in pugno. La Questura di Milano avrebbe già chiarito la cosa anche con la società rossonera.    

La nota della Questura

Il controllo al giocatore del Milan Tiemouè Bakayoko – svolto da un equipaggio della polizia di Milano e il cui video è stato diffuso in rete – è “occorso in un contesto operativo che giustificava l’adozione delle più elevate misure di sicurezza, anche in funzione di autotutela, si è svolto con modalità assolutamente coerenti rispetto al tipo di allarme in atto. Identificata la persona e chiarita la sua estraneità ai fatti per cui si procedeva, il servizio è ripreso regolarmente, senza alcun tipo di rilievo da parte dell’interessato”.

Commenti Facebook
error: Content is protected !!