Morto per un malore: Domenico era il papà di una bimba di 11 anni

Stroncato da un infarto a soli 46 anni: questo il triste destino di Domenico Tenaglia, brigadiere in servizio per la caserma dei carabinieri di Capriolo. I colleghi l’hanno trovato riverso a terra, nella sua stanza, mercoledì mattina poco prima delle 11: sul posto l’automedica e un’ambulanza dei volontari di Adro, ma i sanitari non hanno potuto fare altro che constatarne il decesso. La salma resta ora a disposizione dell’autorità giudiziaria che potrebbe richiedere ulteriori approfondimenti.

LEGGI ANCHE Verona, è l’amante della moglie del comandante: carabiniere trasferito «per punizione»

LEGGI ANCHE Bolzano, carabiniere trasferito per aver denunciato collega e comandante. Il Tar: «Una ritorsione»

Domenico Tenaglia era originario di Lanciano, Abruzzo, ma da più di 20 anni prestava servizio come carabiniere in provincia di Brescia: prima di trasferirsi a Capriolo era di stanza nella caserma di Rudiano.

Il dolore dei parenti

Trattandosi della morte di un militare, in una zona militare, è scattato un protocollo di sicurezza che ha visto l’intervento anche della sezione scientifica. Gli accertamenti avrebbero però confermato la morte per cause naturali. Sono attesi nei prossimi i giorni i parenti da Lanciano (dove abitano i genitori e i fratelli) e dalla Sicilia, dove invece vivono la sua compagna e la figlia ancora piccola: Tenaglia lascia nel dolore anche una bambina di 11 anni. Anche l’amministrazione comunale si unisce al cordoglio.

error: ll Contenuto è protetto