LEGGE DI STABILITÀ 2015: TUTTE LE NOVITÀ PER IL COMPARTO SICUREZZA, DIFESA E SOCCORSO - INFODIFESA

LEGGE DI STABILITÀ 2015: TUTTE LE NOVITÀ PER IL COMPARTO SICUREZZA, DIFESA E SOCCORSO

Di seguito le novità più importanti per
il Comparto Sicurezza e Difesa previste nella Bozza della Legge di Stabilità per il 2015.
Innanzitutto occorre precisare che dal
prossimo gennaio 2015 gli assegni di funzione e di omogeneizzazione
e le promozioni saranno regolarmente corrisposti (senza
arretrati) a tutti coloro che li hanno già maturati nel corso del quadriennio
2011-2014 e che li matureranno in futuro.



Art. 21, comma 4.  Sono abrogati gli articoli 1076, 1077, 1082 e
1083 (norme che regolano la promozione alla vigilia del congedo per gli
ufficiali delle forze armate n.d.r.)

del decreto legislativo 15 marzo 2010 nr. 66, e l’articolo 1, comma 260,
lettera b, della legge 23 dicembre 2005, nr. 266, (promozione dei dirigenti
superiori della Polizia di Stato n.d.r.)
.
Art. 21, comma 5. (indennità di ausiliaria Forze armate e Corpi di
Polizia militari (Arma dei Carabinieri e Corpo della Guardia di Finanza).
All’articolo 1870, comma 1,
del decreto legislativo 15 marzo 2010, nr. 66, le parole “pari al 70 per cento”, sono sostituite dalle seguenti “pari al 50 per cento”. Tale percentuale
di calcolo trova applicazione nei confronti del personale che transita nella
posizione di ausiliaria a decorrere dal
1 gennaio 2015
.
Art. 21, comma 6. Dimezza gli
importi di piloti e controllori di volo.

Art. 21, comma 10. L’autorizzazione di spesa di cui all’articolo 3,
comma 155, ultimo periodo della legge 350/2003 (provvedimenti normativi in materia di riordino
dei ruoli e delle carriere del personale non direttivo e non dirigente delle
Forze armate e delle Forze di polizia
n.d.r.) è ridotta
di 119 milioni di euro per l’anno 2015.

 

Art. 21, comma 11. Le somme disponibili in conto residui (previsti
per il riordino delle carriere e indennità una tantum
n.d.r.) sono versate all’entrata del bilancio dello stato nel
2015.

 

Art. 21, comma 12. Prevede un rinvio delle assunzioni del personale dei corpi
di Polizia, specificando che possono essere
effettuate con decorrenza non anteriore al 1° dicembre 2015 salvo quanto
previsto dalla legge 90/2014 nonché per quelle degli allievi ufficiali, degli
allievi marescialli e del personale dei gruppi sportivi, per un risparmio
complessivo non inferiore a 19,7 milioni di euro.

 

Art. 21, comma 16. Rappresentanza Militare. Sono abrogate le
categorie, fermo restando il numero complessivo di 32 rappresentanti per il
COCER e di 120 rappresentanti per
il COIR la composizione deve essere
rideterminata con decreto del Ministro della Difesa di concerto con il Ministro
dell’Economia. Sarà previsto, inoltre, un delegato ogni 500 elettori invece che degli attuali 250. Dal 2015 le spese di funzionamento della rappresentanza
militare ivi compreso il trattamento
economico di missione ed accessorio non possono superare il 50% di quelle
sostenute nel 2013.

 

Art. 21, comma 17. Elimina l’indennità di trasferimento in patria per il personale in servizio all’estero.

 

Art. 31 comma 6.  Gli alloggi di servizio
connessi all’incarico con locali di rappresentanza (ASIR) sono ridotti da 55 a 6.

 

Art. 31 comma 8. Prevede la revisione
degli organi giurisdizionali militari e conseguente riduzione degli uffici giudiziari
militari, la soppressione
dell’ufficio militare di sorveglianza,
le procure ed i tribunali Militari di Verona e Napoli. Il ruolo organico dei magistrati militari scende da  58
a 47.

 

Art. 31 comma 15. Il Ministero della Difesa assicura la realizzazione
di introiti derivanti dalle dismissioni degli immobili in proprio uso, inclusi quelli di carattere residenziale, tali da
determinare un miglioramento dei saldi in finanza pubblica per un importo non
inferiore a 220 milioni nel 2015 e a 100 milioni di euro negli anni successivi.

Art. 31 comma 19. Prevede l’abolizione del grado di vertice di cui all’Art. 1095 del dlgs 66/2010.

21 thoughts on “LEGGE DI STABILITÀ 2015: TUTTE LE NOVITÀ PER IL COMPARTO SICUREZZA, DIFESA E SOCCORSO

  • 20/10/2014 at 11:11
    Permalink

    e dai..sempre a litigare! l' importante è avere sempre il basco in testa e non usare l'ombrello con la divisa… hi..hi..hi.. questi sono i veri problemi!!

    Reply
  • 18/10/2014 at 16:03
    Permalink

    Tutti i contrattualizzati siamo sempre fottuti.Dobbiamo partire da quando gli stipendi per i militari erano stabiliti per legge dal Generale al soldato e fin qui il divario era di poco e non danneggiava le altre categorie. Nel corso degli anni in fase di contrattazione, si sono fatti i contratti separati per i generali e successivamente si sono associati i colonnelli con la famigerata indennita' di perequazione, poi e' arrivata la famosa omogeneizzazione per i Ten.Col. e Magg. Non finisce qui perché nel duemilauno arriva, per i Generali, l'indennita' di posizione di 24 milioni annue aumentabili di 1/3 per quei generali con particolari incarichi. Nel 2002 arriva l'euro e quindi diventano dodicimilaeuro, con un piccolissimo decreto viene trasformata l'indennita' da 24 milioni a 24 mila euro e il gioco e' fatto perché i vertici sono stati tutti contentati. Scusate dimenticavo l'inserimento dello straordinario che facevano a gara a chi doveva mangiarsene di piu'. Dopo tutto questo sfogo che tale rimane, la beffa arriva nel 2011 quando riconoscono la vacanza contrattuale al personale in servizio ma dimenticano il personale in ausiliaria destinatari del 70% . Oggi tutti coloro che stanno ricevendo il Decreto Definitivo di pensione, si vedono esclusi da questo beneficio e tocca lottare per avere le briciole.Vi ho forse annoiati ma l'amarezza non trova neppure la gratificazione di uno sfogo.

    Reply
  • 18/10/2014 at 08:32
    Permalink

    Ci prendono i soldi da una tasca e ce li rimettono (forse) dall'altra (269 miloni di euro sono presi dalle nostre indennità, dal riordino, dal fondo perequativo e dal c.d. premio di produzione, quasi tutti gli altri saranno presi certamente dalla chiusura degli uffici, tagli su dotazioni etc.);
    blocco del contratto anche per l'anno 2015;
    blocco degli scatti (anzianità nella qualifica, assegni di funzione);
    sperando che gli avanzamenti di qualifica non vengano considerati scatti.
    Senza parlare che si dovrà rivedere l'Accordo Nazionale Quadro, stretta sui pagamenti delle reperibilità, cambi turno etc., piena libertà dell'Amministrazione di adottare orari in deroga senza limite di tempo.
    E alcuni sindacati di Polizia sono contentissimi di tutto questo, SIULP in testa.
    Io, sinceramente, per l'ennesima volta mi sento preso in giro , dal governo e da questi sindacati

    Reply
  • 18/10/2014 at 06:52
    Permalink

    perché se la spesa viene in ridotta e molti pagano al cospetto di altri e perchè c'è sempre l'ingordo che mangia troppo scoprite chi è, magari siede accanto a voi. siamo un cane che si mangia la coda, prima ci svegliamo e meglio è, basta lecchini!!!!

    Reply
  • 18/10/2014 at 06:47
    Permalink

    prima chi ci rappresenta cerca una cosa poi ne vogliamo un'altra e babbo natale iene a natale mi chiedo se leggiate oltre i forum delle forze di polizia tutte le notizie sul mio e vostro paese crisi, disoccupazione giovanile e non, sfratti, povertà assoluta, rischio posti di lavoro, e poi siamo i primi a lamentarci che l'Italia così non può funzionare andate a spiegare alla gente 55 ore di straordinario fisse al mese i alcuni, i fogli di viaggio, e tutto quanto rende alcuni peggio di coloro contro cui viene indicato il dito.

    Reply
  • 17/10/2014 at 18:32
    Permalink

    Mi fa piacere leggere i commenti che riassumono lo stato d'animo di tutti: volevamo lo sblocco degli stipendi e non delle sole indennità che andranno sempre ai gradi più alti. Abbiamo anche perso i soldi per il riordino che i nostri rappresentanti, in questi 5 anni, non sono riusiti a portare a termine.
    Una domanda: ma l'unatantum del 2014 perchè è stato tolto?
    Ricordo a tutti che i ricorsi di questi anni sono stati bloccati in quanto la Corte dei Conti aveva detto che percepivamo appunto l'unatantum.
    Prepariamoci per un altro ricorso…..

    Reply
    • 18/10/2014 at 18:27
      Permalink

      la gente ignorante ( non in senso offensivo ma esclusivamente come non particolarmente ferrata in materia) dovrebbe evitare di esprimersi visto che gli unici blocchi sono relativi all'adeguamento istat – che riguarda solo i dirigenti- e le classi e scatti stipendiali – anche queste attribuite esclusivamente ai dirigenti. dove sta l' arricchimento dei soliti noti?

      Reply
  • 17/10/2014 at 17:09
    Permalink

    comunque lo dicevo ai Cocer e sindacatini che dovevano combattere per lo sblocco dello stipendio

    ora vi ha sistemati e nulla potete perchè l'avete voluto
    questo sblocco del tetto

    la lotta vincente era quella del salario che comprendeva il tutto

    Reply
  • 17/10/2014 at 17:06
    Permalink

    L'AUSILIARIA

    tanto per parlar

    Ci sono voluti diversi anni per fa scendere l'80% all'attuale 70
    Ma Renzi
    con un clic
    la porta da 70 al 50&
    un fenomeno di celerità

    Ma sbaglio o meno che oltre alla rappresentanza militare dobebano essere anche dimezzati i polixi al parlamento

    evidendemente mi sbaglio…

    Reply
  • 17/10/2014 at 13:25
    Permalink

    C'è poco da essere felici, solo i visionari lo saranno!!!

    Reply
  • 17/10/2014 at 10:57
    Permalink

    c'è poco da scherzare, le classi e gli scatti dei dirigenti sono bloccati ancora fino a tutto il 2015.

    Reply
  • 17/10/2014 at 10:56
    Permalink

    Indennità di vacanza contrattuale ne prendiamo solo una…ulteriore schifo!

    Reply
  • 17/10/2014 at 10:54
    Permalink

    I sindacati si sono accontentati di quello che i dipendenti delle forze dell'ordine dovevano già avere per diritto acquisito e non hanno saputo ottenere lo sblocco stipendiale che è l'unica arma per scongiurare il dilagare della corruzione. È, purtroppo, un bene che molti PP. UU. ricorrano al secondo lavoro(vietato da regolamento) per le difficoltà economiche crescenti. L'alternativa per loro sarebbe farsi corrompere.

    Reply
    • 18/10/2014 at 08:47
      Permalink

      scusa, alcuni sindacati, è ora di inziare a fare delle distinzioni, non si può continuare sempre a generalizzare, altrimenti non cambierà mai niente, siamo sempre abituati a generalizzare, iniziamo a dare forza a chi realmente ha una politica sindacale seria e che punta alla tutela dei colleghi.
      Il SAP insieme alla Consulta Sicurezza ha cambiato modo di fare sindacato!!!prendiamone atto e diamogli forza, non generalizziamo o nasondiamoci dietro tanto nessuno ci ascolta

      Reply
    • 19/10/2014 at 08:52
      Permalink

      Si sta giungendo alle situazioni già presenti in africa e in sudamerica. Corruzione a 2000.
      Si sta perdendo la dignità e ci si è venduti per 30 denari alla politica

      Reply
  • 17/10/2014 at 10:34
    Permalink

    Scusatelo, si è preso il virus Sap

    Reply
  • 17/10/2014 at 10:07
    Permalink

    adeguamento retributivo al 2015 si riferisce al rinnovo dei contratti che è fermo al 2010..e che è stato maggiormente prorogato…quindi in parole povere continuerai a percepire indennità di vacanza contrattuale, lo sblocco invece è tutt'altro….

    Reply
  • 17/10/2014 at 09:36
    Permalink

    questo è stato Prorogato al 2015
    21. I meccanismi di adeguamento retributivo per il personale non contrattualizzato di cui all'articolo 3, del decreto legislativo 30 marzo 2001, n. 165, cosi' come previsti dall'articolo 24 della legge 23 dicembre 1998, n. 448, non si applicano per gli anni 2011, 2012 e 2013 ancorche' a titolo di acconto, e non danno comunque luogo a successivi recuperi. Per le categorie di personale di cui all'articolo 3 del decreto legislativo 30 marzo 2001, n.165 e successive modificazioni, che fruiscono di un meccanismo di progressione automatica degli stipendi, gli anni 2011, 2012 e 2013 non sono utili ai fini della maturazione delle classi e degli scatti di stipendio previsti dai rispettivi ordinamenti. Per il personale di cui all'articolo 3 del decreto legislativo 30 marzo 2001, n.165 e successive modificazioni le progressioni di carriera comunque denominate eventualmente disposte negli anni 2011, 2012 e 2013 hanno effetto, per i predetti anni, ai fini esclusivamente giuridici. Per il personale contrattualizzato le progressioni di carriera comunque denominate ed i passaggi tra le aree eventualmente disposte negli anni 2011, 2012 e 2013 hanno effetto, per i predetti anni, ai fini esclusivamente giuridici. (44)

    Reply
  • 17/10/2014 at 08:54
    Permalink

    Fossi in te invece leggerei un attimino meglio.

    Reply
  • 17/10/2014 at 08:16
    Permalink

    LEGGENDO LA BOZZA GUARDATE CHE SI CAPISCE ESATTAMENTE IL CONTRARIO: LO SBLOCCO DEGLI SCATTI E' SOLO PER I MAGISTRATI E NON ANCHE PER LE FORZE DI POLIZIA… ATTENZIONE… LEGGETE BENE!! ALTRO CETRIOLO…….

    Reply
    • 21/10/2014 at 14:51
      Permalink

      Anch'io ti consiglio di leggerlo meglio…Lo diciamo per te, per non fare brutte figure…Saluti

      Reply

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *