LE FORZE DELL’ORDINE E QUELLE MACCHINE VUOTE: IMMAGINE DI UN PAESE ALLO SFASCIO

(di Mario Ajello per il Messaggero) – C’è anche un video che testimonia questa scena. Ma
per fortuna, è soltanto una finzione. Ovvero, l’auto è una falsa auto della
polizia, anche se sembra vera e identica all’originale: l’hanno contraffatta in
qualche strana carrozzeria.

Dunque si può stare tranquilli ed essere
rassicurati: ancora non si è arrivati al colmo di zingari travestiti da guardie
con tanto di macchina d’ordinanza. Però, forse, non manca poco per vedere scene
così. Di solito, in giro per Roma e non solo a Roma, siamo abituati da sempre a
vedere le auto della polizia munite del loro contenuto: i poliziotti. Due o più
di due. 

Invece vuote e ferme, all’apparenza abbandonate o
comunque parcheggiate in mezzo alla strada come auto qualsiasi (e in certi casi
meno lavate delle macchine normali), non si sono quasi mai viste. Ora capita
sempre più spesso di scorgerle in questa situazione. Sono rotte? Non ci sono
più i soldi per pagare gli agenti che dovrebbero occuparle? I poliziotti sono
tutti diventati deboli di vescica e lasciano l’auto per andare tutti insieme a
fare la pipí in qualche bar? Se continuano ad abbandonarle così, le auto che
dovrebbero presidiare il territorio insieme al proprio equipaggio, prima o poi
passerà qualcuno – rom o non rom – che ci si mette dentro. Gridando dal finestrino,
con tanto di lampeggiante acceso: «Lo Stato sono io!»