IL RUOLO DELL’F-35 NELLA GUERRA INFORMATICA

Con gli aeromobili di quinta generazione si sono evolute anche le strategie di impiego dei velivoli militari. Il combattimento ravvicinato fra i caccia appartiene al passato, le specifiche dei nuovi JFS sono orientate verso la guerra informatica, una risposta del comparto della difesa ai nuovi scenari bellici con lo scopo di adeguarsi alla condotta delle operazioni nell’era dell’iperconnessione. Il concetto di Network Centric Warfare, NCW, si è trasformato ed ora è una sorta di fusione tra elementi umani, organizzativi, tecnici e procedurali connessi in rete per interagire fra loro più velocemente ed efficacemente.

Operare in rete implica la coordinazione e sinergia di persone, comandi e strutture di supporto che, guidati dalla nuova dottrina NCW, riescono a relazionarsi in modo diverso dal passato. Questo grazie alla capacità e velocità della rete per la raccolta, analisi e condivisione delle informazioni e ciò si traduce in un vantaggio senza precedenti nella condotta delle missioni. Tale peculiarità è definita come Superiorità nell’Informazione, Information Superiority, ossia un controllo della rete avanzato da agevolare le operazioni senza che l’avversario ponga in essere un efficace contrasto. La IS si trasforma in una condizione di squilibrio sull’attore che non la possiede, infatti il detentore può raccogliere, elaborare e sfruttare il flusso ininterrotto e mirato di dati, ponendosi in condizione di assoluta predominanza.

Di fatto, la condotta bellica migliorerà esponenzialmente in termini di conoscenza, comprensione e valutazione di quanto stia accadendo sullo scenario, pertanto più rapide ed efficaci potranno essere la coordinazione e la sincronizzazione delle forze fisicamente in campo. Con l’F-35 ed in generale con gli aeromobili di quinta generazione, il classico combattimento aereo fra due o più velivoli, detto “dog-fight”, si è evoluto in una forma di guerra elettronica molto avanzata, la “data-fight”. L’aeromobile è quasi un satellite, o meglio un sensore strategico in grado di elaborare e scambiare informazioni in tempo reale con unità di superficie, forze terrestri, altri velivoli, sistemi tecnico operativi e centri decisionali sia militari che governativi. Questo gli consente di tracciare prima l’avversario e pone in condizioni di vantaggio assoluto la propria catena di comando, che sarà in grado di emanare ordini corretti sulla conoscenza acquisita ed approfondita dello scenario di guerra.

In questo ambito il concetto di NCW si apre alla Shared Situational Awareness, SSA, la condivisione della conoscenza sulla situazione. E’ lo stadio della precisione con cui la percezione di una determinata situazione corrisponda alla realtà. Quando è comune fra gli attori connessi, decisori ed attuatori, migliora nettamente la tempestività nella distribuzione di informazioni che diverranno anche più precise ed affidabili. Ai quattro domini in cui hanno luogo le operazioni militari, spazio aereo, marittimo, terrestre e cibernetico, si deve aggiungere quello cognitivo, ossia ogni singolo combattente ha la sua mentalità che agisce sul proprio comportamento verso diversi fattori come: il morale, l’addestramento, l’esperienza e la conoscenza della situazione in cui opera. La forza militare dotata di NCW è in grado di limitare le singole percezioni. Nel dominio fisico ossia lo spazio aereo, marittimo e terrestre, i militari sono tutti collegati tra loro, e l’assenza di discontinuità elimina le azioni mentali di un singolo individuo, uniformandolo alla condotta voluta dai decisori, e questo si riflette nel dominio cognitivo dove tutti gli elementi sono in grado di condividere la conoscenza per sincronizzare le azioni. Un fattore che permette ad una forza NCW di operare in aree geograficamente più ampie con risorse umane e di mezzi inferiori al passato, perché saranno meglio dislocate e con maggiore precisione, agevolati dalla sincronizzazione del ciclo decisionale. In tal modo accrescono esponenzialmente le probabilità di successo, ma, soprattutto, si aumentano le possibilità di sopravvivenza dei soldati in ambienti a media ed alta densità conflittuale. Questo è stato verificato nell’addestramento Joint Stars 2017, dove gli F-35 hanno garantito il supporto aereo con funzioni di soppressione delle difese aeree avversarie, ricerca, soccorso, e controllo dello spazio aereo. In concerto con i velivoli G550, l’F-35 ha svolto compiti di sorveglianza ed acquisizione dei bersagli, a dimostrazione che può essere impiegato in tutti quegli scenari dove è necessario condividere informazioni plurime dopo averle elaborate. I fruitori possono essere utenti anche civili, infatti l’elevate capacità del JSF potrebbero essere utili nel controllo delle frontiere per fronteggiare l’immigrazione clandestina. Una delle peculiarità dei velivoli di quinta generazione è quella definita Stealth, ossia invisibilità, ma in questo caso vuol dire bassa osservabilità. La piattaforma del JSF, è concepita per ritardare il più possibile il rilevamento e tracciamento dai sistemi di difesa aerea avversari, infatti i radar in banda X, i più comuni, osserverebbero l’F-35 troppo tardi per organizzare una risposta difensiva efficace, questo consente al velivolo incursore di “ingannare” il nemico con falsi bersagli e di ridurre le capacità del radar ostile con disturbi elettronici, una condotta definita “Jamming”.

Nelle operazioni in contesti multinazionali del prossimo futuro, si dovrà perseguire l’obiettivo strategico avvalendosi di un insieme di azioni dirette ad influenzare il comportamento di tutti gli attori coinvolti nello scenario bellico, sia amici che nemici. E’ definita come Effects Based Operation, EBO. L’applicazione è estendibile anche in tempo di pace con la sinergia ed il coordinamento di tutte le piattaforme impiegabili a livello tattico, operativo e strategico. Di fatto una struttura informatica atta a pianificare ed eseguire operazioni semplici o complesse per il raggiungimento di effetti coerenti con gli obiettivi da perseguire. L’F-35 avrà una evoluzione che permetterà, alle nazioni che lo possiedono, di ridurre i costi sia per l’acquisto che per la manutenzione: il sistema DAS, Distributed Aperture System, raccoglie e trasmette immagini ad alta risoluzione direttamente al casco del pilota. Il DAS è composto da sei telecamere ad infrarossi assemblate in varie posizioni sulla carlinga e consentono al pilota una visione completa dello spazio in cui sta operando, in qualsiasi condizione meteo e sia di giorno che di notte. La finalità è quella di rilevare ed intercettare minacce provenienti da ogni angolazione, ciò si traduce in una situational awareness mai fornita prima ai piloti in termini di prontezza operativa e di risposta armata, ma soprattutto è in grado di assicurare il più elevato tasso di sopravvivenza in ambienti ostili.

Il DAS sarà integrato nel casco dal 2023, e varrà una diminuzione dei costi pari a 3 miliardi di dollari in tutto il ciclo di vita del velivolo. Fornire ai decisori dati corretti ed in tempo reale, trasforma l’F-35 in una scelta politica. La posizione delle nazioni che schierano questo velivolo è di sicura predominanza, in quanto ne aumenta la credibilità nel panorama delle Aeronautiche Militari elevandone il livello di competitività, e con la versione imbarcata esalta la proiezione di forza, una componente geopolitica fondamentale in uno scenario mondiale che si sta evolvendo rapidamente, con gli Stati Uniti che premono per aumentare le spese militari, l’Unione Europea che si divide sulla questione dei migranti, l’implementazione dei sistemi d’arma della Russia e Cina, e la minaccia del terrorismo islamico mai sopita. La politica estera italiana, inserita nel contesto della NATO e dell’Unione Europea, potrà trarre vantaggi considerevoli dallo schieramento degli F-35, infatti avrà un peso maggiore nelle missioni di pace ed aumenterà la credibilità e la deterrenza della Marina Militare che godrà di un importante miglioramento nella capacità di proiettare la sua forza. A causa dei costi comunque elevati e delle specifiche del caccia, è auspicabile che il governo lo acquisti nel numero necessario a sostituire i vetusti Harrier, elevando Nave Cavour al ruolo di portaeromobili di quinta generazione, e di quanto ne abbisogni l’Aeronautica Militare per garantire il controllo dei confini italiani.

Giovanni Caprara per Infodifesa.it

Fonti:

Francesco Bussoleti, “Il mondo scopre che gli F-35 sono gli Iphone dei caccia.” Difesa e Sicurezza

“NCW al centro della trasformazione”. Difesa.it