Il medico militare e il maresciallo dell’Aeronautica che arrotondano facendo i falsari

Patenti di guida e banconote da 50 euro, ma anche patenti nautiche e certificati di vaccinazione Covid. C’era un po’ di tutto nella fabbrica dei documenti falsi che i carabinieri del comando antifalsificazione monetaria hanno scoperto in provincia di Napoli. Sette persone avrebbero gestito l’attività. Tra loro anche un medico dell’Asl Napoli 1 e un maresciallo dell’Aeronautica Militare, in servizio come infermiere.

Secondo l’accusa gli indagati falsificavano patenti, carte d’identità valide per l’espatrio, certificati medici e banconote da 50 euro, spacciate in Italia ma finite anche in Spagna e Francia. La base operativa era a Villaricca, in provincia di Napoli, dove sono state trovate sofisticate attrezzature. Ci sarebbero però cellule operative anche a Giugliano in Campania (Napoli) e nelle province di Benevento e Caserta (Teverola). La banda avrebbe agito anche in Veneto, Emilia Romagna e Toscana.

Sotto sequestro 49 patenti di guida e 9 nautiche, tre certificati di vaccinazione Covid-19, otto fogli rosa, tre permessi di guida provvisori e un certificato di abilitazione alla guida di veicoli a motore, tutti risultati contraffatti.

error: ll Contenuto è protetto