Il casco a infrarossi per ‘scoprire’ il coronavirus in dotazione ai Carabinieri

Sono i 6 caschi in dotazione all’Arma dei carabinieri, 4 a Magenta e 2 radiomobile di Milano, con sistema di misurazione temperatura corporea. Si tratta di particolari caschi con dispositivo a infrarossi per rilevare la temperatura dei pedoni sulle strade e scoprire così se potenzialmente vittime di infezione da coronavirus. I caschi, poi, sono collegati ad un tablet della Samsung che in tempo reale riesce a stabilire se si ha la febbre oppure no.

Leggi anche “Personale sanitario militare è stato fondamentale. Prevista indennità di rischio infettivo

Leggi anche Coronavirus, cancellata la parata del 2 giugno lungo i Fori

Secondo quanto reso noto, la telecamera a infrarossi è in grado di tracciare la temperatura dei pedoni entro un raggio di cinque metri: qualora rilevasse una temperatura superiore a 37.3 ° C, il casco emetterebbe un allarme.

Sempre in base a quanto riferito dalla polizia cinese, ogni casco può controllare la temperatura di oltre un centinaio di persone in due minuti.

L’innovativo casco – il cui nome tecnico è “Smart Helmet N901” – è stato progettato e realizzato  dalla Kuang-Chi, un’azienda di Shenzhen, con l’obbiettivo di arginare il diffondersi del virus.

Il casco Thermoscan è ampliamente utilizzato dalle forze di polizia all’estero nei controlli anti covid-19. Ora il Ministero della Difesa ha avviato la sperimentazione anche in Italia.

One thought on “Il casco a infrarossi per ‘scoprire’ il coronavirus in dotazione ai Carabinieri

Leave a Reply

error: Content is protected !!