Funzionario di polizia si suicida davanti ai finanzieri: si è lanciato dal sesto piano

Ha chiesto di poter andare in bagno, ma una volta dentro ha aperto la finestra e si è lanciato di sotto. Così è morto Marcello Miraglia, 61 anni, funzionario della polizia provinciale di Palermo. L’uomo era accusato di corruzione. Il suicidio è avvenuto questa mattina, quando alle prime luci dell’alba i militari della guardia di finanza lo hanno raggiunto nella sua abitazione a Bagheria per notificargli l’ordinanza di custodia cautelare in carcere. Un finanziere ha tentato di salvarlo, senza successo: ferito gravemente a una mano, è stato portato al pronto soccorso per essere medicato. Miraglia era indagato insieme ad altre nove persone nell’ambito di un’inchiesta per corruzione. A essere coinvolti, diversi imprenditori che operano nel settore dei rifiuti. Secondo la procura, avrebbero ottenuto rinnovi di autorizzazioni ambientali o soffiate su quando si sarebbero svolti ispezioni e controlli. Il presunto giro di mazzette si sarebbe aggirato intorno ai 15mila euro.

Guardia di Finanza, Appuntato si accoltella al cuore. Secondo suicidio in due giorni

Accusato di corruzione si suicida durante l’arresto: ferito finanziere

Proprio Miraglia sarebbe stata una figura chiave al centro dell’inchiesta della procura. Il 61enne era destinatario di una misura cautelare in carcere, ma quando sono arrivati i finanzieri nella sua abitazione sembrava tranquillo. L’uomo non avrebbe dato nessun segno di nervosismo o agitazione, e per la prima mezzora è rimasto calmo mentre i militari controllavano l’abitazione e gli notificavano l’ordinanza di custodia in carcere. Dopo trenta minuti ha chiesto di andare in bagno. Un finanziere lo ha scortato, ma una volta dentro Miraglia ha aperto la finestra e si è lanciato di sotto, cadendo dal sesto piano. Per lui non c’è stato nulla da fare, è morto sul colpo a causa della violenza dell’impatto con l’asfalto.

Commenti Facebook
error: Content is protected !!