“ESIBITE LO SCONTRINO”, CARABINIERI E VIGILE URBANO FERMATI DALLA GUARDIA DI FINANZA

È accaduto a Roccalumera in provincia di Messina all’uscita di un bar, ove due carabinieri ed un vigile sono stati controllati dai militi della Guardia di Finanza. Lo scrive Giuseppe Palomba per la Gazzetta del Sud. “Sottufficiale dell’Arma, carabiniere e agente della polizia locale, tutti in divisa, fermati dalla Guardia di finanza per un controllo all’uscita del bar. All’inizio sembrava un siparietto, una goliardata, un modo come un altro per salutare dei vecchi amici mettendo tutto subito sullo scherzo. Invece era tutto vero e a Roccalumera, ormai, non si parla davvero d’altro. È successo alcune settimane fa ma si è saputo solo ieri.

Un sottufficiale dell’Arma impegnato in un servizio di controllo del territorio, al termine delle operazioni su una delle vetture in transito e ultimata l’attività, si è recato in compagnia di un collega e di un agente della polizia locale della cittadina ionica all’interno di un noto bar. I tre, sorseggiato un caffè e bevuto qualche bicchiere d’acqua per riprendersi dal caldo torrido di questi giorni, sono quindi usciti dall’esercizio commerciale per riprendere le attività quotidiane a tutela della legge.

Non hanno però avuto neppure il tempo di fare pochi passi che…sono stati fermati per un controllo da alcuni militari della Guardia di finanza, anche questi in divisa, che hanno chiesto loro i documenti e di esibire lo scontrino fiscale relativo alla consumazione. Comprensibile il disagio e i primi attimi di smarrimento dei due carabinieri e dell’agente della polizia municipale non sapendo se quei colleghi in divisa dicevano sul serio o stavano scherzando.”

Dopo l’esibizione dello scontrino c’è stata solo l’identificazione. Tutto questo avveniva davanti a numerose persone che nel frattempo si erano avvicinate incuriosite dalla vicenda. I finanzieri espletata la forzosa procedura hanno proseguito con altri controlli.