CORPO FORESTALE, MARCIA INDIETRO DEL GOVERNO?

La marcia a tappe forzate verso lo scioglimento
del Corpo Forestale dello Stato subisce una battuta d’arresto. Il
Governo rinvia la pubblicazione del decreto legislativo sulla riorganizzazione
delle funzioni di polizia
 e sembra aprirsi uno spiraglio per la
ripresa delle trattative.

(adsbygoogle = window.adsbygoogle || []).push({});

I sindacati della Forestale hanno così deciso di
sospendere tutte le manifestazioni di protesta
calendarizzate, a
partire da quella odierna di Pontassieve, in attesa della riapertura del tavolo
delle trattative.

 “Nell’auspicio
che tale rinvio consenta una più profonda riflessione sul futuro del Cfs –
dicono i segretari Marco Moroni, Danilo Scipio, Andrea Laganà,
Francesca Fabrizi e Maurizio Cattoi
 – chiediamo nuovamente al
Presidente del Consiglio di convocare le rappresentanze del personale per
discutere nel merito i provvedimenti che riguardano il nostro futuro, evitando
una militarizzazione forzata che presterebbe il fianco a costosi e lunghi
ricorsi amministrativi. La nostra proposta, presentata nei giorni scorsi, è sul
tavolo e può essere sicuramente una valida alternativa da perseguire”.
Per adesso è difficile comprendere se il rinvio
sia dovuto ad un ripensamento del Governo oppure alla volontà di trovare un
accordo che accolga le istanze dei sindacati sostenute, peraltro, anche da
tutte le associazioni ambientaliste nazionali e da tantissimi cittadini italiani
che hanno a cuore le sorti dell’unico Corpo di Polizia specializzato nella
difesa del territorio e della biodiversità.
“Ovviamente -precisano i sindacati – le nostre
iniziative sono solo sospese, ma non esiteremo a riprenderle qualora il Governo
non intenda ascoltarci e voglia nonostante tutto confermare il malaugurato
intento di militarizzare la Forestale e la sicurezza ambientale”.

L’ascia di guerra è momentaneamente sotterrata,
in attesa che le parti riescano finalmente ad incontrarsi. In gioco c’è non
solo la sorte del personale del Corpo Forestale, ma anche la difesa del
patrimonio naturale del nostro Paese.

[FONTE]

Commenti Facebook

Lascia un commento

error: Content is protected !!