CONCORSI FORZE ARMATE: DOPO ELIMINAZIONE ALTEZZA, PRONTA ABOLIZIONE LIMITI DI ETA’

Il 18 settembre è giunto il parere favorevole del Consiglio di Stato sui PARAMETRI FISICI PER L’AMMISSIONE AI CONCORSI PER IL RECLUTAMENTO NELLE FORZE ARMATE NELLE FORZE DI POLIZIA A ORDINAMENTO MILITARE, CIVILE E CORPO NAZ.LE DEI VIGILI DEL FUOCO A NORMA DELLA LEGGE 12 GENNAIO 2015 N. 2. A tal proposito un post dell’on. Elio Vito (FI) sottolinea: “Si  è riunito oggi l’Ufficio di Presidenza delle Commissioni I (Affari Costituzionali) e IV (Difesa) di cui faccio parte ed ha stabilito che l’atteso parere sul Regolamento di attuazione della nuova legge che abolisce i limiti di altezza per l’accesso alle Forze Armate ed alle Forze dell’ordine sarà reso nella seduta di martedì 6 ottobre. Abbiamo anche deciso che martedì 13 ottobre si svolgeranno Audizioni di esperti in merito alla Risoluzione per l’abolizione anche dei limiti di età.” 
La proposta, che interviene sull’articolo 3 della legge 127/1997 con il quale sono già stati aboliti i vincoli per la generalità delle pubbliche amministrazioni, si rivolge soprattutto alle forze armate e del comparto sicurezza, settori in cui sono ancora rimasti in vigore specifici vincoli connessi dalla natura del servizio. Vincoli che i deputati firmatari intendono eliminare del tutto. Si tratta di un «vero e proprio discrimine, anche di natura costituzionale, che impedisce l’accesso a carriere militari o nelle Forze dell’ordine per la presenza di deroghe dettate dalle amministrazioni competenti oltre che per la natura del servizio» scrivono i firmatari del ddl ricordando che «il nostro Paese ha posto dei limiti di età oggettivamente bassi per l’accesso volontariato nell’Esercito, così come non riconosce in pieno il requisito dell’ex militare di leva, volontario in ferma biennale o annuale e ausiliari, per l’accesso nelle Forze di polizia. Altri Paesi al contrario, adottano un limite di età più alto nell’Esercito. Ad esempio, nella Legione straniera francese il limite è di 40 anni di età, negli Stati Uniti d’America (USA) è di 35 anni di età,  ulteriormente aumentati di sei anni se si è in possesso dei requisiti riconosciuti dallo Stato maggiore».
La legislazione europea, del resto, ha rafforzato in maniera significativa il contrasto a forme di discriminazione, compresa quella anagrafica, con la direttiva 2000/43/CE del Consiglio, del 29 giugno 2000, e in particolare con la recente sentenza del 13 novembre 2014 della Corte di giustizia dell’Unione europea nella causa C-416/13, che riconosce la discriminazione nelle Forze dell’ordine in Spagna stravolgendo le norme dei bandi di concorso per le Forze di polizia. I deputati osservano quindi come sia necessario «andare incontro all’evoluzione culturale nonché della struttura sociale e anagrafica della comunità e conseguentemente modificare il quadro normativo che regolamenta l’accesso per limiti anagrafici ai concorsi nella pubblica amministrazione, soprattutto per quanto concerne le Forze di polizia e armate» concludono i firmatari del disegno di legge (qui il testo del provvedimento).