Colonnello Ceglie: Iacovacci non lasciava mai nessuno indietro

 “Vittorio era un ragazzo straordinario, innamorato della vita militare e del reparto; un ragazzo determinato e coraggioso che in tutto metteva passione e cercava di farlo nel modo migliore”. A parlare a “L’italia con voi” di Rai Italia è il colonnello Saverio Ceglie del reggimento Friuli Venezia Giulia dei Carabinieri, ricordando Vittorio Iacovacci, il giovane carabiniere ucciso in Repubblica Democratica del Congo assieme all’ambasciatore Luca Attanasio.

Leggi anche Vende cane senza microchip e invia foto in mimetica per rassicurare l’acquirente. Militare sospeso e reintegrato dal TAR



“Proprio per questo è sempre risultato uno dei ragazzi coi risultati migliori. Riusciva ad impegnarsi al massimo, ma faceva tutto anche aiutando con altruismo e generosità i suoi amici e colleghi, non lasciava mai nessuno indietro”.



Commenti Facebook

Lascia un commento

error: Content is protected !!