CARABINIERI: INCIDENTI STRADALI DI PATTUGLIA, L’ODISSEA DELLE PUNIZIONI

L’incubo
dei carabinieri aggregati a Milano in occasione dell’expo non è stato certo
quello di dover fronteggiare un eventuale attacco terroristico, ma piuttosto di
rimanere coinvolti in un incidente stradale. E’ quanto si legge in una nota del delegato Co.Ce.R. carabinieri
Giuseppe La Fortuna

Si perché
“sinistrare un veicolo” – prosegue La Fortuna – in Lombardia significa patire una punizione e non una qualsiasi, ma di “rigore”. L’iter inizia con una informativa di reato
alla procura militare da parte di solerti comandanti di compagnia per poi approdare
al ben più “vantaggioso” procedimento disciplinare di rigore.

Le difficoltà
dei carabinieri impegnati di pattuglia –  afferma il
segretario del Co.Ce.R. carabinieri Gianni Pitzianti
– sono quindi
amplificate dalla constatazione che non solo non sono assolutamente tutelati in
caso di incidente stradale, ma addirittura sono perseguiti penalmente e
disciplinarmente.
La
primaria preoccupazione per l’Amministrazione è quindi stabilire le colpe ed addossare
responsabilità? Ma chi si preoccupa del malessere dei carabinieri?

Sono davvero
preoccupato perché se la stessa sensibilità sarà rivolta in occasione del Giubileo,
si prevede un anno santo e ricco di punizioni per i carabinieri.

Leave a Reply

error: Content is protected !!