BRIGADIERE INVESTITO DAL TRENO, IL GIUDICE: “NON E’ STATA COLPA DEL LADRO”

La morte vicebrigadiere dei carabinieri Emanuele Reali, 34 anni, morto investito da un treno a Caserta il 6 novembre scorso mentre inseguiva un ladro, non è imputabile al malvivente. Come riporta Repubblica, il gip Nicoletta Campanaro ha escluso che la morte del militare dell’Arma sia avvenuta come conseguenza della fuga di Pasquale A., 24 anni, sui binari della ferrovia: l’uomo resta in carcere per furto pluriaggravato e resistenza a pubblico ufficiale, ma il giudice ha escluso l’accusa di morte in conseguenza di altro reato.

Come si legge nell’ordinanza “le indagini hanno evidenziato che il vice brigadiere Reali ha optato per un percorso diverso rispetto al ladro, scegliendo una via d’accesso alla ferrovia alternativa all’inseguito”. In sostanza, secondo il giudice, il carabiniere avrebbe perso il contatto visivo con il ladro, optando quindi per un percorso diverso: sarebbe stata quindi la scelta autonoma del vicebrigadiere a determinare la tragica fatalità.

La Procura di Santa Maria Capua Vetere, titolare delle indagini, aveva invece insistito sul fatto che la fuga del ladro e la morte di Reali fossero per forza di cose concatenate.

 

Leave a Reply

error: Content is protected !!