ATTENTATO IN RUSSIA. ISIS ATTACCA MOSCA: UCCISI DUE TERRORISTI

L’Isis rivendica il primo attentato in Russia, avvenuto nella notte vicino a Mosca contro una stazione della polizia stradale di Sholkovo.

Sono stati uccisi alcuni agenti oltre che i due attentatori ceceni di Daesh che sono entrati nella caserma armati di pistole e accette per compiere una strage. Un messaggio dell’Isis intercettato da Site riporta la rivendicazione del Califfato contro lo stato di Putin: «questo è solo l’inizio, molto altro vi sarà inflitto: abbiamo intrapreso la via della jihad su ordine del nostro emiro, e voi cari musulmani intraprendete con noi questo percorso», recita l’inquietante messaggio-video rilasciato dai due kamikaze giovanissimi, ancora, ovvero Usman Murdalov 21 anni e Sulim Israilov 18 anni, entrambi ceceni.

È la prima rivendicazione in terra russa dello Stato Islamico e con un’eco di inquietante minaccia l’Isis si appresta a punire lo stato che, assieme ad altri, sta cercando di porre fine alla presenza militare in Sisia del Califfato.