Approvato il rifinanziamento della missione in Libia

Il sì al Senato del decreto passa anche grazie a un ordine del giorno che impegna l’esecutivo a tutelare i profili umanitari nell’azione della Guardia costiera di Tripoli.

 

Il rischio di un grave incidente politico è rimasto altissimo fino all’ultimo . Poi, alla fine, l’ok al decreto missioni è arrivato in Senato non senza malumori e frizioni nella maggioranza. Il punto cruciale era il finanziamento dell’impegno militare in Libia. Ha scatenato, come non mai, lacerazioni e conflitti tra i partiti di governo e all’interno di Pd e M5S.

L’esecutivo è stato a un passo dall’andare sotto: un precipizio per la sorte dei ministri guidati da Giuseppe Conte. Ma un ordine del giorno di Iv presentato da Laura Garavini, presidente della commissione Difesa, ha salvato il salvabile e ricucito gli strappi. Almeno per ora.

La missione in Libia

Il provvedimento sulle missioni messo a punto dal ministro della Difesa, Lorenzo Guerini – ieri in visita in Turchia anche per ottenere le massime garanzie da Ankara sugli equilibri nel Mediterraneo e sulla Libia in particolare – prevede il rifinanziamento e la proroga per quest’anno della partecipazione di un contingente di militari della Guardia di Finanza e dell’Arma dei Carabinieri alla missione bilaterale di assistenza alla Guardia Costiera della Marina militare libica. L’obiettivo è «fronteggiare il fenomeno dell’immigrazione clandestina e della tratta di esseri umani tramite l’addestramento» dei militari libici. Un profilo di intervento senza dubbio divisivo all’interno della compagine di maggioranza. E le ultime cronache sulle violazioni gravissime dei diritti umani nei campi profughi in Libia hanno accentuato le contrapposizioni.

La strategia di Iv

I dem in fibrillazione, i grillini idem se non di più, Leu con una posizione nota fin dall’inizio: sembrava l’inizio autentico della fine dell’esperienza giallorossa. I segnali, ripetuti, si vedevano da giorni. La presidente della commissione Difesa, a quel punto, ha preso l’iniziativa. Ha trovato la firma unitaria di Pd e M5S su un ordine giorno dal valore politico indubbio. Porta, infatti, la firma di Vito Petrocelli (M5S, presidente commissione Esteri), Vito Vattuone (Pd, capogruppo e relatore in commissione Difesa ), Fabrizio Ortis (M5S, capogruppo in commissione Difesa), Alessandro Alfieri (Pd, capogruppo commissione Esteri), Marinella Pacifico (M5S, relatore in commissione Esteri). Tutti i protagonisti, insomma, del provvedimento missioni del governo. Il testo, firmato e approvato dall’aula del Senato con 147 voti favore, 124 astenuti e nessun contrario, è stato un calmante per le ferite della maggioranza.

Redazione articolo Il sole24ore

Leave a Reply

error: Content is protected !!