Afghanistan. Parla il militare che uccise Bin Laden. Talebani nel palazzo presidenziale, bombardiamolo!

Rob O’Neill , il Navy SEAL che ha ucciso Osama Bin Laden nel maggio 2011, ha criticato la debacle in Afghanistan dell’amministrazione Biden , sostenendo che “abbiamo completamente distolto l’attenzione da questo”. O’Neill ha esortato gli Stati Uniti a prendere sul serio i gruppi terroristici andando avanti e a capire  che alcuni “vogliono ucciderci tutti”.

Spero che le persone siano abbastanza intelligenti da capire,  che quel grosso convoglio in arrivo, potrebbero essere talebani. Bombardiamoli. Ehi, sono nel palazzo presidenziale. Perché non lo bombardiamo?  Non so perché sia ​​così difficile uccidere le persone che stanno cercando di uccidere te. Ed è quello che siamo qui per fare. L’abbiamo perso di vista molto tempo fa, cercando di costruire scuole per le persone che non le vogliono.

Ci sono “queste persone al comando che sono una vergogna. Sono stupito che almeno 30 generali e ammiragli non si siano dimessi o non siano stati licenziati”, ha detto O’Neill nel corso di un’intervista a Fox News. “Tutti i veterani, i Marine, i piloti e i Navy SEAL… le guardie costiere…tutti quelli con cui ho parlato oggi, mi dicono solo che sono disgustati”, ha proseguito: “Ed è così che dovremmo sentirci. Dovremmo provare disgusto. Non chiediamo il permesso ai talebani. Sa cosa facciamo? Li prendiamo a calci nel sedere, tutto qui”.

L’ex militare ha poi spiegato come farebbe a mettere in salvo gli americani che si trovano ancora a Kabul: “Non voglio essere al comando, ma se lo fossi – oh, voglio prendere gli americani? Fantastico. Datemi nove ragazzi. Andrei per le strade e ucciderei tutti quelli che vedo, e prenderei gli americani. Non è difficile”.

Commenti Facebook

Lascia un commento

error: Content is protected !!