15 MILIONI PER PROTEGGERE FORZE ARMATE E POLIZIA CON I GIUBBOTTI

Quindici  milioni e 200 mila euro: è la spesa prevista per rinnovare i giubbotti antiproiettile delle nostre forze armate e di polizia.  In un momento di massima attenzione per la sicurezza collettiva,  arrivano dal ministro della Difesa, Roberta Pinotti – in risposta a una interrogazione presentata alla Camera- dati sulla dotazione di protezione del personale impegnato in prima linea.
L’esercito ha un programma di acquisizione di ulteriori e aggiornati giubbotti fino al 2019 per 22.780 capi; alla Marina sono stati consegnati nel primo semestre 1.300 giubbotti; i carabinieri  hanno avviato l’iter  per acquisirne 2.000 nel corso dell’anno per procedere al ripianamento di quelli che potrebbero essere dichiarati fuori uso.

Quanto alla polizia,  attualmente ha in dotazione 19.730 i giubbotti di tipo morbido e per la sostituzione di quelli  con garanzia in scadenza sono già stati distribuiti 3.216 nuovi corpetti antiproiettile. Nel corso dell’anno è prevista la sostituzione di ulteriori 13 mila giubbotti, con una spesa per l’adeguamento  di 10 milioni di euro.

I giubbotti hanno garanzie certificate dalla aziende produttrici che variano dai 7 ai 10 anni e comunque in prossimità  della scadenza vengono sottoposti a campione a prove a fuoco al banco  di Gardone Val Trompia (Brescia) per verificarne ancora l’efficacia. Per approfondire si suggerisce la lettura di questo interessante articolo di Luca Marco Comellini.
(sbo)

Commenti Facebook

Lascia un commento

error: Content is protected !!