UCCISO A POSTO DI BLOCCO, ASSOLTI CARABINIERI

Assolti con formula piena perché il fatto non costituisce reato per l’uso legittimo delle armi: è la sentenza emessa dalla Corte d’assise di Cosenza nei confronti dei carabinieri Pasquale Greco e Luca Zingarelli, accusati di omicidio volontario per la morte di Sandrino Greco, di 36 anni, deceduto il 21 gennaio 2011 dopo avere forzato un posto di blocco a Rossano.

Greco, secondo la ricostruzione della polizia, era alla guida di un fuoristrada rubato. I carabinieri lo inseguirono sino ad una stradina di campagna dove invertì la marcia e speronò l’auto dei militari. Questi scesero e spararono colpi di pistola in aria ma Greco tentò di investirli.

A quel punto i carabinieri spararono ed un colpo raggiunse Greco alla testa. L’avv. Ettore Zagarese, ha espresso “soddisfazione perché è stata finalmente rimossa l’accusa infamante per due servitori dello Stato di aver volontariamente voluto sopprimere una vita, accusa contraria ai principi di rispetto della legge che hanno giurato di rispettare”.