TRENTA: “AL LAVORO PER MIGLIORARE I TURNI MILITARI IN STRADE SICURE. GIUBBOTTI CAMBIATI, ORA PIU’ LEGGERI”

Strade Sicure “è una missione importantissima, che verrà mantenuta per la sicurezza interna e che sarà anche ampliata laddove necessario. Ne stiamo studiando un incremento in questo momento per inviare dei nostri soldati nella Terra dei Fuochi per il monitoraggio dei siti a rischio, questa però è solo una delle varie opportunità di impiego”.

E’ il ministro della Difesa Elisabetta Trenta a sottolinearlo in un’intervista all’Adnkronos, aggiungendo che si stanno “rivedendo alcuni aspetti al fine di un miglioramento dei turni. Alcuni passi avanti sono già stati compiuti, come il cambio dei giubbotti dei militari, che ora sono più leggeri, ed è stata introdotta una mobilità nell’impiego”.

Trenta si mantiene “in stretto contatto con lo Stato maggiore dell’Esercito per individuare delle ulteriori soluzioni volte a migliorare i turni per un maggiore benessere del personale impiegato. E’ un punto a cui tengo molto”, precisa. Terremoti, alluvioni, calamità naturali: i militari sono spesso chiamati ad intervenire in occasione di emergenze.

“Il supporto alla popolazione civile in occasione di calamità naturali c’è sempre stato, per fortuna. Non è una cosa che ha inserito la Trenta, si tratta bensì -osserva- della quarta missione della Difesa. Le capacità di comando e di controllo della Difesa sono uniche e solo i militari riescono ad esprimerne le massime potenzialità, penso al numero di uomini da impiegare e anche ai nostri equipaggiamenti”.

Il militare è militare sempre, in ogni circostanza, i nostri sono orgogliosi dei salvataggi che compiono, orgogliosi delle operazioni a supporto degli alluvionati, dei terremotati, per fare solo alcuni esempi”. A giudizio di Trenta, “in Italia c’è bisogno di una vera cultura della Difesa, che fino ad oggi è venuta a mancare. Era anche questo il motivo per cui avevo promosso lo spot del 4 novembre. C’è un professionismo a 360 gradi che noi abbiamo il dovere di valorizzare”.