RIORDINO DEI RUOLI? PASSO INDIETRO PER I GRADUATI:NESSUNA DIFFERENZA CON I MILITARI DI TRUPPA

 A partire dal 2016 lo Stato Maggiore dell’Esercito ha emanato il nuovo regolamento interno dei servizi di caserma in cui si prevedono degli elementi di novità rispetto alla precedente edizione;
Riportiamo il testo dell’interrogazione parlamentare rivolta al Ministro della Difesa dagli Onorevoli Piras e Zaccagnini del gruppo Sinistra Italiana: Per effetto di questo nuovo regolamento la categoria dei graduati, ad esempio, non potrà svolgere compiti in relazione alla propria anzianità di servizio e di grado ricoperto, trovandosi a ricoprire mansioni che prima erano affidate a militari di leva e volontari in ferma prefissata;  tale circolare sembrerebbe non fare alcuna differenza professionale tra i cosiddetti graduati e volontari di truppa. Non tiene, inoltre, conto del «codice dell’ordinamento militare» di cui al decreto legislativo 15 marzo 2010, n. 66 articolo 627, nel quale è stabilito che:

«il personale militare è inquadrato in quattro categorie gerarchicamente ordinate: a)ufficiali; b) sottufficiali; c) graduati (dal grado di Caporal Maggiore Capo Scelto a primo caporal maggiore); d) militari di truppa (volontari in ferma prefissata, gli allievi carabinieri, gli allievi finanzieri, gli allievi delle scuole militari, navale e aeronautica, gli allievi marescialli in ferma, gli allievi ufficiali in ferma prefissata e gli allievi ufficiali delle accademie militari»; occorre chiarire che l’impiego «professionale» dei «graduati», con oltre vent’anni di servizio alle spalle, si ritrovano a svolgere servizi effettuati da sempre dai militari di leva e dai volontari in ferma triennale senza un minimo di riconoscimento professionale dovuto al carico di responsabilità maggiore- La riduzione degli organici, in particolare dei giovani volontari, stravolge l’impiego professionale del personale militare, declassandolo dal punto di vista dei servizi rispetto alla precedente circolare «2938 – Norme per la vita e il servizio interno di caserma – in vigore fino al 2015» –: quali iniziative il Ministro interrogato, per quanto di competenza, intenda assumere nell’immediato per tutelare la dignità dei graduati delle Forze armate e garantire, con lo stesso criterio utilizzato per le altre categorie, l’anzianità di servizio e il grado acquisito con incarichi di maggiore responsabilità ad esempio attraverso la partecipazione alla turnazione del «sottufficiale d’ispezione» ripristinando le linee guide della circolare 2938 che teneva conto e del grado e dell’anzianità di servizio; quali siano le novità che il Governo intende introdurre in materia di progressione delle carriere e di riordino, visto l’appiattimento economico, professionale ed anche previdenziale dei graduati in servizio permanente, che nel 2024 potrebbero compromettere la funzionalità della stessa forza armata per via dell’invecchiamento del personale.

 

Commenti Facebook

Lascia un commento

error: Content is protected !!