Quelle rapine in serie del papà di Ugo

Il documento porta il dato del 28 giugno 2018, e costringe a leggere diversamente la tragica storia di Ugo Russo, il ragazzo napoletano ucciso sabato notte durante il tentativo di rapina in un carabiniere. Il documento aiuta a capire il contesto, il percorso umano e familiare che ha portato un adolescente a infilarsi nell’impresa che lo ha portato alla morte. Perché il documento, firmato dalla Procura generale di Milano, riguarda il padre di Ugo: Vincenzo Russo. trentotto anni, l’uomo che in questi giorni ha raccontato davanti alle telecamere il suo strazio. Ma che la Procura di Milano accusa di essere un professionista dello stesso tipo di rapina è costata la vita a suo figlio. Non ho dovuto guardare lontano, il povero Ugo, per cercare un esempio sbagliato da imitare.

L’impresa che la Procura di Milano attribuisce a Vincenzo Russo è la fotocopia – più organizzata, più professionale – di quella che sabato suo figlio realizza a Napoli. Il 24 settembre 2013 in via Ripamonti, nel capoluogo lombardo, l’auto di un avvocato viene accostata da uno scooter che gli urta lo specchietto, poi il guidatore si ferma e accusa l’avvocato di avergli fatto maschio alla mano. Appena l’avvocato abbassa il finestrino, arriva un altro scooter, il passeggero lo colpisce al volto e la strappa una Audermars Piguet da 40mila euro. Nel pomeriggio dello stesso giorno, dall’altra parte di Milano viene messa a segno un’altra rapina identica. La Volante si mette alla caccia degli autori, intercetta due scooter, li insegue. Uno dei motocicli si schianta. A bordo c’è Vincenzo Russo, il padre di Ugo. Viene portato in ospedale, indagato dalla Volante per entrambi i colpi. La sua fotografia viene mostrata all’avvocato rapinato al mattino: che lo riconosce senza ombra di dubbio. «É lui». Ai poliziotti che chiedo il conto della sua presenza a Milano, Russo spiega di essere disoccupato e di essere salito al nord per cercare di vendere dei profumi. Ma non vengono trovate tracce né di flaconi né di boccette. E dalla banca dati della polizia saltano fuori dalle altre persone già ricevute dall’uomo per le imprese analoghe. Per la Procura, Vincenzo Russo fa parte delle batterie di napoletani che salgono a Milano per i «colpi dello specchietto». E nella richiesta di rinvio a giudizio gli viene contestata la «recidiva reiterata e specifica». avvocato rapinato al mattino: che lo riconosce senza ombra di dubbio. «É lui». Ai poliziotti che chiedo il conto della sua presenza a Milano, Russo spiega di essere disoccupato e di essere salito al nord per cercare di vendere dei profumi. Ma non vengono trovate tracce né di flaconi né di boccette. E dalla banca dati della polizia saltano fuori dalle altre persone già ricevute dall’uomo per le imprese analoghe. Per la Procura, Vincenzo Russo fa parte delle batterie di napoletani che salgono a Milano per i «colpi dello specchietto». E nella richiesta di rinvio a giudizio gli viene contestata la «recidiva reiterata e specifica». avvocato rapinato al mattino: che lo riconosce senza ombra di dubbio. «É lui». Ai poliziotti che chiedono il conto della sua presenza a Milano, Russo spiega di essere disoccupato e di essere salito al nord per cercare di vendere dei profumi. Ma non vengono trovate tracce né di flaconi né di boccette. E dalla banca dati della polizia saltano fuori dalle altre persone già ricevute dall’uomo per le imprese analoghe. Per la Procura, Vincenzo Russo fa parte delle batterie di napoletani che salgono a Milano per i «colpi dello specchietto». E nella richiesta di rinvio a giudizio gli viene contestata la «recidiva reiterata e specifica». Ma non vengono trovate tracce né di flaconi né di boccette. E dalla banca dati della polizia saltano fuori dalle altre persone già ricevute dall’uomo per le imprese analoghe. Per la Procura, Vincenzo Russo fa parte delle batterie di napoletani che salgono a Milano per i «colpi dello specchietto». E nella richiesta di rinvio a giudizio gli viene contestata la «recidiva reiterata e specifica». Ma non vengono trovate tracce né di flaconi né di boccette. E dalla banca dati della polizia saltano fuori dalle altre persone già ricevute dall’uomo per le imprese analoghe. Per la Procura, Vincenzo Russo fa parte delle batterie di napoletani che salgono a Milano per i «colpi dello specchietto». E nella richiesta di rinvio a giudizio gli viene contestata la «recidiva reiterata e specifica».

Russo chiede di essere ammesso al rito abbreviato: e il 28 maggio 2018 viene assolto, il giudice non crede al riconoscimento effettuato dall’avvocato rapinato. Ma la Procura generale non si arrende e attraverso il sostituto Massimo Gaballo presenta ricorso contro l’assoluzione. Gli elementi contro il padre di Ugo, scrive il pg, sono «chiari, univoci, concordanti». C’è il riconoscimento da parte della vittima, «assolutamente certo ed esente da qualsiasi indecisione o dubbio», ma non solo. Ad incastrarlo, secondo l’accusa, c’è lo scooter, quello con cui si è schiantato nel pomeriggio mentre scappava dalla Volante. «Conferma ulteriore della responsabilità del Russo si rinviene dai filmati e dal sequestro del motorino () si allegano due fotogrammi dai quali emerge in maniera evidente che il ciclomotore sequestrato al Russo è lo stesso ciclomotore utilizzato dal rapinatore n. 1 nella rapina in via Ripamonti». Ora ci sarà l’appello. Ma Vincenzo Russo ha altre angosce con cui fare i conti.

Redazione articolo a cura di Luca Fazzo per il Giornale.it

Leave a Reply