Qualifica di 1° Luogotenente, ritardi nelle promozioni. “Dopo più di 30 anni di meritata carriera la Difesa deve rispettare i tempi delle promozioni”

Il Co.Ce.R. della Marina Militare ha presentato una delibera sulle Procedure per il conferimento della Qualifìca dì l’ Lgt per il ruolo Marescialli e
Speciale per il ruolo Sergenti.

“La professionalità del personale destinato alla Commissione avanzamento Sottufficiali e Graduati è nota a tutti e non messa in discussione – si legge nel testo della delibera – nonostante la volontà dei Vertici del Dicastero, Ministro compreso, di velocizzare le pratiche burocratiche circa gli avanzamenti di carriera, espressa anche durante l’ultimo Work Shop sull’avanzamento, si stanno accumulando comunque ritardi in merito alle promozioni.

Ed in particolare – sottolineano i delegati del CoCeR Marina – di recente l’Esercito ha attribuito la qualifica di l’ Lgt al suo personale, mentre le commissioni di Marina e Aeronautica sono in attesa di chiarimenti sull’applicazione della norma.

“Nell’ultimo confronto di circa un mese fa, tra Ministro, Stati maggiori, commissioni avanzamento e Cocer ci fu l’esplicita volontà del Ministro della difesa di ridurre i tempi per le valutazioni e promozioni dei Sottufficiali e Graduati alla stessa stregua dei dirigenti. È il commento delegato Co.ce.R. Marina Militare Antonello Ciavarelli. Il Co.ce.r. Marina ha voluto deliberare in quanto, a fronte di ciò, permangono le lungaggini burocratiche e gli stessi componenti della commissione di avanzamento in modo costruttivo chiedono di aiutarli a risolverle.
La goccia che ha fatto traboccare il vaso è stata la attribuzione della qualifica di 1 lgt. ai Marescialli dell’Esercito mentre l’Aeronautica e la Marina attendono chiarimenti, da parte delle Superiori Autorità, circa l’applicazione delle norme conseguenti al riordino delle carriere.
Con la delibera si è certi che il Ministro (al quale va per conoscenza), sensibile alla condizione morale del personale, unitamente al vertice sapra’ rimuovere le difficoltà, magari mettendo intorno ad un tavolo tutte le autorita interessate affinche ci sia un circolo virtuoso ed equiordinato. Il rispetto dei tempi delle promozioni sopratutto dopo più di 30 anni di meritata carriera è moralmente doveroso da parte dell’ amministrazione difesa. Dovrebbe essere scontato, purtroppo ancora non lo è. Non finiremo di impegnarci – conclude Ciavarelli – finché l’obiettivo non sarà raggiunto.”