PUTIN AUTORIZZA IMPIEGO MASSICCIO DI ARMI TERMOBARICHE: TRUPPE EQUIPAGGIATE CON IL “CALABRONE”

(di Franco
Iacch) – Lo
Stato Maggiore russo ha autorizzato in Siria l’impiego del “Bumblebee”, un
lanciafiamme con propulsione a razzo originariamente sviluppato contro bersagli
trincerati in postazioni fortificate con copertura solida. Sostanzialmente
simile ad un lanciarazzi a colpo singolo come gli RPG ed i LAW, è classificato
dall’esercito russo come lanciafiamme.

In
realtà si tratta di un rudimentale quanto efficace sistema termobarico. La
testata propulsa contiene al suo interno una carica esplosiva e del
combustibile altamente infiammabile. Quando il razzo raggiunge la destinazione,
il carburante viene disperso. La detonazione successiva incendia il materiale
infiammabile poco prima nell’aria.
Secondo
una recente analisi della rivista specializzata “Popular Mechanics”,
l’esplosione irradia un’onda d’urto devastante ed una “palla di fuoco” del
diametro di otto-dieci metri. Di per se, l’esplosione termobarica è
particolarmente indicata contro bersagli (truppe) in campo aperto. Ma se la
stessa esplosione avvenisse in un bunker, la sua potenza potrebbe anche
decuplicarsi con effetti devastanti. L’utilizzo del “Bumblebee” (“Shmel” in
russo) in Siria è stato autorizzato per la sua capacità di decimare le forze
nemiche in ambienti urbani. Pesante poco meno di dodici chili, ha un raggio di
800 metri.

Lo
“Shmel” può montare tre testate. La RPO-M (upgrade della A) è la versione con
testata termobarica. La RPO-Z monta una testata incendiaria. La RPO-D, infine,
è la versione con testata fumogena. L’equivalenza di una testata RPO-M è pari a
5,5 kg di TNT. La sua capacità distruttiva è simile ad un colpo da artiglieria
da 152 mm. Quello avvistato in Siria è lo “Shmel-M”. Con un peso di
8,8 kg, il sistema (adesso riutilizzabile), migliora le prestazioni balistiche
e l’effetto terminale con una portata massima di 1700 metri.

[FONTE]

Commenti Facebook

Lascia un commento

error: Content is protected !!