Perizia Choc: “In auto a 140 all’ora, così ammazzarono il poliziotto Apicella”

Viaggiavano a 140 chilometri orari e la loro auto era in accelerazione non in frenata. È quanto riporta un articolo di Leandro Del Gaudio per il Mattino.  “Erano in controsenso, erano riusciti a seminare già un paio di vetture della polizia, speronandole e gettando oggetti contundenti dal finestrino (una chiave inglese o una ruota di scorta), pensavano di aver guadagnato una via di fuga, ma dinanzi a una terza auto della polizia, si sono trovati di fronte a una scelta: che fare? Rallentare e consegnare i polsi? O accelerare e provare ad impedire l’intervento degli agenti, magari nella speranza di indovinare il corridoio giusto?”

“Questione di secondi – si legge sul mattino – tutto in una manciata di attimi che hanno provocato la morte del poliziotto Pasquale Apicella, l’agente scelto che la mattina del 27 aprile scorso non si tirò indietro, non si sottrasse al proprio dovere. Oggi a mettere un punto fermo sulla morte di Lino è l’ingegnere Fabio Manfredi, che firma una consulenza di sessanta pagine sullo schianto di via Calata Capodichino, per conto della Procura di Napoli. È il punto chiave del processo che si deve celebrare a carico di tre cittadini rom, imputati per omicidio volontario, indicati come responsabili della morte del poliziotto. Un documento che riguarda la velocità delle due auto che si sono scontrate: quella della polizia (una Seat Leon), che viaggiava a 79 chilometri orari; la Audi Rs usata dai tre rom (rubata nel corso di una notte di razzie), che venne lanciata controsenso e a fari spenti alla velocità di 140 chilometri orari. Un impatto catastrofico, anche perché dall’analisi tecnica del ctu della Procura non c’è alcun segnale di rallentamento. Il mezzo venne usato a mo’ di ariete.”

Commenti Facebook

Lascia un commento

error: Content is protected !!