Pappalardo sospeso dal 2018 per violazione giuramento.

A seguito di numerose richieste di chiarimento, pervenute in relazione all’evidenza mediatica delle condotte tenute recentemente dal Generale di Brigata in congedo Antonio Pappalardo, e al grado da questo rivestito, si precisa che lo stesso ha prestato servizio attivo nell’Arma dei Carabinieri sino al 25 giugno 2006.Il grado di Colonnello gli è stato attribuito nel 1994, quale promozione ope legis (L. n. 224/1986), al termine del mandato parlamentare, in quanto eletto nel 1992 alla Camera dei Deputati.

Anche la promozione al grado di Generale di Brigata è stata conseguita ope legis, il 24 giugno 2006, ovvero il giorno prima del collocamento in congedo per raggiunti limiti di età, così come sancito dalla L. n. 536/1971 (cosiddetta ‘promozione alla vigilia’), successivamente abrogata dall’art. 2268 del D.Lgs. 15 marzo 2010, n. 66.Dal 1° ottobre 2018, l’Ufficiale è stato sospeso per 12 mesi dalle funzioni del grado a seguito di procedimento disciplinare di stato per violazione dei doveri derivanti dal grado e dal giuramento prestato, avviato su proposta del Comando Generale dell’Arma dei Carabinieri e così definito dal Ministero della Difesa.

Leave a Reply

error: Content is protected !!