OMICIDIO GARLASCO, CONDANNATO A DUE ANNI E MEZZO IL MARESCIALLO DEI CARABINIERI CHE INDAGO’

Francesco Marchetto, ex maresciallo dei carabinieri, è stato condannato dal tribunale di Pavia a due anni e sei mesi di reclusione per falsa testimonianza in relazione alle indagini sull’omicidio di Chiara Poggi, avvenuto nella sua abitazione di Garlasco il 13 agosto 2007. E’ quanto riporta Marta Proietti per il Giornale.

Per il delitto è stato condannato in via definitiva a 16 anni il fidanzato Alberto Stasi, dopo un complicato iter processuale.

Secondo l’accusa, Marchetto, comandante della stazione dei carabinieri di Garlasco all’epoca del delitto, avrebbe detto il falso in relazione agli accertamenti sulla biciclettanera da donna che un testimone sosteneva di avere visto appoggiata al muretto della villa di via Pascoli in un orario compatibile con quello del delitto. In particolare, avrebbe mentito in un’annotazione di servizio in cui attestava la non somiglianza tra quella bici e un’altra nera da donna nella disponibilità della famiglia Stasi. Le sue parole portarono gli inquirenti a non sequestrare quest’ultima bici, influenzando, secondo la parte civile e l’accusa, le indagini che poi portarono a una doppia assoluzione, in primo e secondo grado, per Alberto Stasi.

“La sentenza del tribunale di Pavia conferma ancora una volta che le assoluzioni di Stasi, prima della condanna definitiva, si sono basate su una testimonianza falsa, oltre che come già noto su una perizia incompleta”, ha spiegato il legale Tizzoni.

Commenti Facebook

Lascia un commento

error: Content is protected !!