LE GUERRE (QUASI) SEGRETE DELL’ITALIA

(di Paolo Ribichini) – Manifestazioni, bandiere arcobaleno, “yankee, go
home”. Cosa resta oggi degli anni 2000, delle proteste contro la guerra in
Iraq? Contro il militarismo occidentale? E cosa resta nell’immaginario
collettivo dei morti di Nassiriya? Poco, pochissimo.

Mentre i movimenti
pacifisti sono di fatto spariti dall’orizzonte politico e sociale, gli Usa e i
suoi alleati continuano la “lotta al terrorismo” che non è altro che la difesa
(spesso legittima) dei propri interessi nazionali. Meno soldati al fronte, meno
guerre dichiarate, ma più fronti aperti. E l’Italia fa la sua parte. Nulla sui
tg, poco, veramente poco sui giornali. Forse perché gli italiani continuano a
mantenere un livello di attenzione verso l’estero pari a quello di un neonato
addormentato nella culla. Ma mentre in tanti dormono, intorno ai confini
nazionali emergono nuove minacce.
Task
Force 45, la Delta Force italiana. 
Così,
l’Italia – come altri paesi Nato – ha già da qualche tempo ridefinito la
propria strategia militare nel contesto internazionale. Il primo banco di prova
è rappresentato dalla Task Force 45, un manipolo di uomini altamente
addestrati, provenienti dai gruppi di incursori di tutte le forze armate sotto
il comando operativo dell’Esercito. Questa squadra ha operato nel completo
segreto per otto anni in Afghanistan, sotto il comando Nato nell’ambito
dell’Operazione “Sarissa” dell’International Security Assistance Force (ISAF).
Il suo scopo è stato quello di colpire obiettivi selezionati e soprattutto
“importanti”, come i capi talebani. Ora la stessa esperienza potrebbe ripetersi
anche in altri paesi. Stando agli accordi che sono recentemente emersi, il
governo italiano sarebbe pronto a schierare anche in Somalia e in Iraq una o
più squadre con gli stessi compiti della Task Force 45. Anzi, è probabile che
saranno gli stessi uomini che hanno già combattuto in Afghanistan.
Il
ruolo fondamentale degli istruttori. 
Ma l’Italia non partecipa o parteciperà a conflitti contro il terrorismo
di matrice islamica solo con uomini d’élite. Già in Afghanistan e in Iraq
operano qualche centinaio di istruttori militari con il compito di addestrare
le forze locali dei governi cosiddetti legittimi. Questi uomini – poco più di
qualche centinaia – in caso di necessità possono combattere a fianco delle
forze locali, conducendo e guidando anche alcune operazioni.

E se si
dovesse intervenire il Libia? 
Le
stesse forze potrebbero essere impiegate anche in Libia. Di fatto è probabile
che già alcune squadre di qualche decina di uomini si muovano sul territorio
libico, visti i consistenti interessi nazionali che sono oggi minacciati dai
miliziani locali legati all’Isis. In ogni modo, una volta raggiunto il via
libera da parte dell’Onu per un intervento di peace keeping o peace enforcing,
il governo italiano potrebbe sperimentare la stessa formula utilizzata in
Afghanistan. Il problema, tuttavia, potrebbe riguardare il numero di militari
delle forze speciali schierabili. Secondo fonti interne, il numero degli uomini
addestrati per questo tipo di missioni, è di circa 200 unità. Pochi, se si
pensa che dovranno essere impiegati simultaneamente in Afghanistan, Iraq,
Somalia e Libia. Forse sarà necessario rinunciare a qualcosa, come è già
stato fatto nel Corno d’Africa, dove le unità navali italiane non partecipano
più alle missioni anti-pirateria e sono state parzialmente rischierate nel
Mediterraneo per un eventuale intervento in Libia.
Commenti Facebook

Lascia un commento

error: Content is protected !!