Il Ministro della Difesa incontra il CoCeR

Dopo pochi giorni dal suo insediamento il neo Ministro della Difesa Guido  Crosetto ha voluto incontrare i rappresentanti Interforze del personale militare. Il Co.Ce.R. Marina non poteva esimersi dall’evidenziare le difficoltà che vivono gli equipaggi a causa della forte riduzione di personale e il bisogno di vedersi riconosciute economicamente le missioni internazionali come le altre FF.AA. Oggi, infatti, durante le navigazioni vi è un sistema “al ribasso” di pagamento forfettizzato. Si sono richiamati, altresì, gli impegni di governo riguardo gli straordinari e la previdenza dedicata. Questione quest’ultima che è diventata una vera urgenza per evitare che a breve i militari in pensione possano diventare la nuova categoria di poveri.

Da delegato tarantino, riguardo la polemica sul porto industriale di Taranto che il Ministro ha detto “bruttissimo” ho espresso la solidarietà. Ho sottolineato che probabilmente la cittadinanza e soprattutto i politici locali non fanno abbastanza per spegnere le fonti inquinanti dell’industria come è successo a Genova. A riguardo ho spiegato che anche noi abbiamo chiesto di allontanare il personale della Guardia Costiera dal porto  industriale per i noti motivi ambientali e sanitari.

A riguardo ho consegnato le delibere in merito alla collocazione della Capitaneria nella vecchia divisione navale ristrutturata da poco. Così si risparmierebbero diversi milioni di euro per ristrutturare il ristorante Gambero dove si vorrebbe destinarla. Tutto ciò con l’auspicio di una razionalizzazione delle risorse economiche ed umane tra ministero Difesa ed Infrastrutture. Anche questa volta il Ministro Crosetto ha confermato la sua disponibilità all’ascolto con l’impegno di mantenere vivo il dialogo ed il confronto.

 1° Luogotenente Antonio Ciavarelli

 Delegato Co.Ce.R.

 Marina Militare-Guardia Costiera

error: ll Contenuto è protetto