I Paesi del Golfo tolgono l’embargo al Qatar: l’Arabia Saudita pronta a riaprire i confini

Dopo tre anni di braccio di ferro, la disputa che ha spaccato i Paesi del Golfo si avvia alla conclusione. Un funzionario dell’amministrazione Trump ha annunciato all’agenzia Reuters che Arabia Saudita, Egitto, Emirati arabi uniti e Bahrein sono pronti a togliere l’embargo che isola il Qatar e ad aprire i confini di terra, mare e aerei con l’emirato, isolato appunto da tre anni. L’annuncio è stato confermato anche da fonti del Kuwait, il Paese che da mesi media fra i vicini per risolvere la crisi.

L’embargo era stato uno dei primi segnali dei nuovi equilibri del Golfo: Arabia Saudita e Emirati arabi uniti lo avevano promosso in risposta all’attivismo del piccolo Qatar nella fase delle cosidette Primavere arabe e negli anni successivi. Nel mirino il sostegno di Doha agli islamisti, malvisto in particolare in Egitto, dove l’attuale presidente Abdel Fatah al Sisi è al potere proprio grazie a un colpo di Stato con cui ha messo da parte il governo dei Fratelli musulmani, emerso vincitore dalle elezioni post- 2011. I Paesi del Golfo avevano dettato al Qatar una serie di condizioni fra cui l’interruzione dei rapporti con l’Iran, la fine del sostegno agli islamisti e la chiusura della tv panaraba Al Jazeera.

L’annuncio arriva alla vigilia del vertice tra i leader arabi del Golfo, che si terrà domani in Arabia Saudita e sarà presieduto dal re saudita Salman. L’emiro del Qatar, sheikh Al Thani, dovrebbe ora partecipare al vertice per la prima volta dall’entrata in vigore dell’embargo. La decisione degli stretti alleati degli Stati Uniti arriva negli ultimi giorni del mandato dell’amministrazione Trump, e a pochi giorni dall’insediamento del presidente eletto Joe Biden.

 Il Kuwait ha fatto da mediatore tra il Qatar e quattro stati arabi ma un ruolo di primo piano lo hanno avuto anche gli Stati Uniti: fonti Usa hanno sottolineato in particolare il ruolo di Jared Kushner, genero del presidente Donald Trump e da lui incaricato della gestione delle politiche sul Medio Oriente.

Commenti Facebook

Lascia un commento

error: Content is protected !!