G7 AL SICURO: COMANDANTE GENERALE RINGRAZIA I CARABINIERI. CAPO DELLA POLIZIA “GLI ANTAGONISTI? UN ESERCIZIO DI IMBECILLITA!”

Arrivato a Taormina per salutare e congratularsi con gli uomini e le donne della polizia di Stato e per portare il plauso del ministro dell’Interno Marco Minniti al questore Giuseppe Cucchiara e al prefetto Francesca Ferrandino ed estendendoli anche a carabinieri, Guardia di finanza e militari, Franco Gabrielli ha condannato con parole pesanti il comportamento degli antagonisti che ieri, andando allo scontro con il cordone di poliziotti al termine del percorso, hanno costretto le forze dell’ordine al lancio di sei lacrimogeni.

Un esercizio di imbecillità da parte di qualcuno – ha detto Gabrielli – E’ arrivato il momento in questo paese di chiamare le cose con il loro nome. In una manifestazione che a stento ha raccolto un migliaio di persone, non più di trenta, quaranta persone improponibili hanno fronteggiato centinaia di poliziotti in tenuta antisommossa, rovinando una manifestazione già compromessa. Gli stiamo dando fin troppa importanza. Da sincero democratico quale sono provo sempre un moto di sincera approvazione per la partecipazione positiva a chi manifesta il dissenso. Avevo detto – ha proseguito Gabrielli – che la violenza sarebbe stata trattata per come deve essere. Sono stati sparati solo sei lacrimogeni, quasi uno per ciascuno dei soggetti che protestavano. Voglio qui sottolineare che ieri tutto è stato gestito con grande sapiente misura, è il segno plastico della professionalità di chi ha gestito questo evento”.

I Ringraziamenti del Comandante Generale dei Carabinieri

Acireale ha accolto le forze dei carabinieri impegnate nel Messinese per lo svolgimento del G7 di Taormina. Prima di rientrare nei vari distaccamenti, i militari stamattina hanno deciso di fare tappa al PalaVolcan. All’incontro con tutto il corpo dei carabinieri ha presenziato il comandante generale Tullio Del Sette, il quale, prima di rientrare a Roma, ha voluto incontrare l’intera squadra che ha svolto le operazioni di ordine pubblico.

L’appuntamento indetto dai carabinieri si è tenuto in forma esclusivamente privata. Il tutto è stato deciso in nottata, tanto da sorprendere anche vigili urbani e, soprattutto, i residenti di corso Italia, che stamattina si sono trovati davanti un enorme dispiegamento di convogli: camionette, macchine e militari che hanno invaso la zona.