Franco Gabrielli: “Salvini con la maglia della Polizia? La gente non è idiota,ma non mi sono sentito offeso”

Salvini non è più ministro dell’Interno, e il capo della polizia, Franco Gabrielli, interviene su quella che era una sua abitudine: indossare le magliette delle forze dell’ordine.

Lo fa intervenendo a Napoli e si toglie qualche sassolino dalla scarpa: “Ho sempre detto, ma signori miei un ministro dell’Interno che è l’unica autorità di pubblica sicurezza, vertice politico della Polizia di Stato ha bisogno di una t-shirt per riaffermare questa sua funzione? Perché così facendo si rischia di immaginare che i cittadini siano una banda di idioti, che hanno bisogno di una t-shirt, di un vessillo per riaffermare una cosa di questo genere”.

Che l’abitudine si Salvini non gli piacesse ormai è chiaro, ma Gabrielli garantisce di non essersi sentito offeso: “Non ho mai vissuto come una situazione negativa il fatto che il ministro dell’Interno Matteo Salvini indossasse polo o giacche della Polizia, bensì come un segno di vicinanza alla Polizia – ha precisato più tardi – Non mi sono mai sentito offeso. E, contrariamente a chi ha sostenuto che si trattava di una forma di intimidazione, ho sempre sostenuto che il ministro dell’Interno non ha certo bisogno di indossare una maglietta per affermare il suo status”.

Archiviata l’era Salvini, il Viminale sarà retto ora da una figura molto diversa, l’ex prefetto Luciana Lamorgese. Il suo profilo è apprezzato da Gabrielli, che di lei dice: “Senza fare retro pensieri, è più facile parlare e farsi comprendere con chi parla il tuo stesso linguaggio ma questo non può essere interpretato come un giudizio di valore. L’ho sempre detto anche quando venivo additato a mia insaputa, il ministero dell’Interno ha forse più bisogno di un ministro politico che tecnico, ma questa è un’altra storia”.