ESERCITO, IL GABINETTO DEL MINISTRO SOSPENDE LA CIRCOLARE SULL’ECCESSO PONDERALE: NECESSARIA DIRETTIVA UNIVOCA PER FORZE ARMATE E CARABINIERI

Il Gabinetto del Ministro della Difesa in riferimento alle linee guida per il trattamento delle condizioni di eccesso ponderale (argomento trattato dal Ministro durante la riunione con il Co.Ce.R. Interforze il 13 novembre) ha chiarito che “Da una analisi del quadro normativo e regolamentare disciplinante la tematica dell’eccesso ponderale è emerso che, ad oggi, solo lo Stato Maggiore dell’Esercito abbia emanato una specifica direttiva in materia.

Al fine di regolare uniformemente una tematica che coinvolge tutto il personale in uniforme, e nella considerazione che disposizioni sull’argomento, soprattutto se estese a tutto il personale delle Forze Armate e dell’Arma dei Carabinieri, potrebbero costituire un utilissimo strumento anche nella prevenzione e nel controllo dì patologie connesse all’obesità, risulta necessario emanare una direttiva interforze che:

  • elimini possibili disparità di trattamento tra personale appartenente a diverse Forze Armate;
  • attribuisca maggior importanza a parametri influenti sul peso corporeo quali età, incarico assegnato, reparto di impiego, reale possibilità di svolgere attività fisica in relazione alle mansioni attribuite, ecc.;
  • preveda percorsi di rientro in prestabiliti parametri di IMC che preservino il personale dal possibile collocamento in congedo per perdita dell’idoneità fisica;

Il Gabinetto del Ministro ha, dunque, chiesto allo Stato Maggiore di predisporre il documento relativo all’IMC secondo le modalità indicate nella nota sopra descritta, al fine di sottoporlo alla preventiva visione e approvazione del ministro, sospendendo la vigenza della circolare dello stato maggiore dell’Esercito, nelle more della emanazione di una nuova direttiva interforze.