CATTURATO IL CAPO DELL’ISIS. AL BAGHDADI NELLE MANI DEI RUSSI

AGGIORNAMENTO: MOSCA HA SMENTITO LA NOTIZIA

Al Baghdadi nelle mani di russi e siriani. La notizia bomba è del sito iracheno EHS (Mobilitazione Popolare Informatica), vicino alle milizie sciite il leader dello Stato Islamico, e rilanciata dall’agenzia Askanews. Abu Bakr al Baghdadi – secondo la fonte – sarebbe stato “catturato” in un’operazione coordinata dall’intelligence di Mosca e Damasco, in una località nel nord della Siria. Del ‘Califfo’ non si hanno notizie dallo scorso 2 aprile, molti esperti lo davano in fuga dall’assedio di Mosul.

Haissam Bou Said, responsabile dell’Ufficio Informazione del Segretario Generale del Dipartimento Europeo Sicurezza e Informazioni (DESI), ha confermato che il suo ufficio “ha ricevuto informazioni precise che indicano la cattura del leader dell’organizzazione di Daesh Abu Bakr al Baghdadi nel nord siriano”.

“Al Baghdadi era fuggito da Mosul lo scorso 2 aprile a causa della caccia lanciata da Mobilitazione Popolare (alleanze di milizie sciite a Mosul) per prenderlo”, si legge nel comunicato. “Il nostro ufficio si riserva dal pubblicare i dettagli dell’operazione della cattura fino a quando non si accerterà di alcune delle informazioni ricevute”, chiude il testo del comunicato. Infatti non è la prima volta che circola la notizia dell’arresto del leader dello Stato Islamico, ma i vari annunci erano stati tutti regolarmente smentiti.