CARABINIERI: LA FIAT BRAVO? LO DICIAMO DA TEMPO, NON PUO’ FARE LA “GAZZELLA”!

“Una
altra strage che si poteva evitare. Sono mesi che diciamo che le Fiat Bravo
non sono idonee negli inseguimenti e chi ha fatto un po “di ‘strada” lo capisce
al volo”. E’ quanto si legge in una nota del delegato Co.Ce.R. carabinieri Giuseppe La
Fortuna.

“Questo
grazie al taglio del 35% operato prima di ogni altra forza armata e nei settori
sbagliati, ovvero nella sicurezza del personale, nel benessere dei militari e
sugli stipendi. La Fiat Bravo nel nome del risparmio è stato allestita con un
gioco al ribasso sprezzante della sicurezza dei nostri colleghi.
I
limiti  – continua la nota – di questa
vettura gli abbiamo più volte segnalati e non si tratta solo di minori
prestazioni motoristiche, ma di una vera e propria inadeguatezza al pronto
intervento, una mancanza di sicurezza che induce i colleghi alla guida a
continue correzioni per evitare che il veicolo sbandi e si ribalti. Insomma della
famosa gazzella è rimasto solo stemma sulle portiere, ma in realtà si tratta di
un veicolo che andrebbe immediatamente sostituito!
Mi
chiedo con quale criterio il Comando Generale ha scelto la Bravo per il
Pronto Intervento?

Intanto
– conclude La Fortuna – l’esercito dei generali con stipendi e senza
responsabilità penali e di vita aumentano e i nostri ‘figli’ continuano a
morire x 1.300 euro al mese.”