CARABINIERE INFEDELE PAGATO DAI CLAN. L’IMMAGINE LESA DELL’ARMA VALE SOLO 3000 EURO

(di Cesare Giuzzi) – Quanto vale per l’Arma il danno d’immagine provocato da un carabiniere infedele, al soldo della ‘ndrangheta, filmato mentre fa sparire i bossoli dopo un omicidio e intercettato mentre «spiffera» informazioni ai boss? Esiste forse un danno maggiore per la Benemerita con i suoi 203 anni di storia «al servizio dei cittadini» che vedere un proprio rappresentante, l’appuntato Michele Berlingeri, condannato a 13 anni di carcere insieme agli ndranghetisti arrestati nell’operazione Infinito?

Certamente no. Perché come hanno scritto i giudici l’appuntato, all’epoca in servizio al Radiomobile della compagnia di Rho, ha «fatto mercimonio della sua pubblica funzione» facendosi retribuire (da 500 a 1.000 euro) per ogni notizia riservata «passata» ai clan. Soffiate su arresti in arrivo, su indagini in corso, controlli abusivi negli archivi delle forze di polizia, e perfino azioni per «deviare» le pattuglie dei colleghi che stavano intervenendo su furti in corso.

Ma il «capolavoro» criminale di Berlingeri (arrestato nel luglio 2010) era avvenuto sotto gli occhi delle telecamere di sorveglianza del pub «Il Brigante» di Rho dove nel gennaio 2010, durante una sparatoria, era stato assassinato il 38enne albanese Artim Avrani. Nei filmati si vede la sagoma dell’appuntato — il primo ad intervenire — mentre parla con l’assassino, Cristian Bandiera, figlio di Gaetano affiliato al locale di Rho. Poi mentre si piega a terra e fa sparire i bossoli lasciati dal killer. E ancora mentre lascia uscire dalla scena del crimine un amico di Bandiera che nasconde sotto al giubbotto l’arma del delitto. Le immagini fecero il giro di siti, giornali e televisioni. E anche per questo i giudici della Corte dei conti, dopo l’input della Procura e della stessa Arma dei carabinieri, hanno condannato Berlingeri a risarcire al Comando generale le spese per il danno d’immagine legato alla sua vicenda.

Un «danno» che però vale, secondo i giudici, non più di 3 mila euro. Questo nonostante — e lo scrivono gli stessi magistrati della Corte dei conti — «la sconcertante lettura dei gravi reati, soprattutto per un appartenente a una delle strutture più affidabili del Paese e socialmente stimate come l’Arma dei carabinieri».

Per i giudici è evidente la lesione dell’immagine causata da Berlingeri «per l’alta considerazione di cui gode nella collettività l’Arma»: «la rigorosa selezione del personale, i meriti acquisiti nei secoli sul campo, l’efficenza dimostrata nella prevenzione e repressione della criminalità vengono fatalmente offuscati da inqualificabili e inaccettabili condotte come quelle dell’appuntato, espressione della negazione dei valori che sono alla base e nel Dna del corpo di appartenenza».

Eppure la cifra stabilita dai giudici non può essere più alta di 3 mila euro come danno d’immagine e di altri 3 mila ma per violazione del «sinallagma contrattuale» per «distrazione di energie lavorative da destinare alle incombenze d’ufficio in favore della realizzazione delle fattispecie penalmente rilevanti». In realtà il magistrato aveva chiesto un risarcimento totale di 14.400 euro. Per i giudici però il totale corretto non supera i 6 mila euro. Tremila per il danno d’immagine. Poco più di una mensilità. (Corriere della Sera)

Commenti Facebook

Lascia un commento

error: Content is protected !!