VIGILE DEL FUOCO MUORE DURANTE I SOCCORSI PER LA CADUTA DI UN ALBERO. “PERSONALE STREMATO DALLA FATICA, DOPO GENOVA NULLA È CAMBIATO”

“Migliaia di interventi nelle ultime ore a causa del maltempo. Tante le chiamate da parte di cittadini in difficoltà, troppe per essere evase “A distanza di pochi mesi dalla tragedia di Genova, dopo le mille parole spese, ancora nulla è cambiato. Serve al più presto uno scatto del governo – si legge in una nota della Funzione Pubblica Cgil vigili del fuoco -. Ancora una situazione di estrema emergenza. Ancora una volta, i vigili del fuoco chiamati agli straordinari. Il maltempo di queste ore sta mettendo a dura prova il personale in servizio: tante le chiamate, troppe per essere evase in tempi ragionevoli, e il personale è stremato dalla fatica”.

Giovanni Costa, vigile del fuoco morto durante i soccorsi

Nelle ultime ore, un vigile del fuoco volontario è morto a San Martino in Badia, in provincia di Bolzano, travolto da un albero caduto per il forte vento. La vittima è Giovanni Costa, 52enne di Longiarù. “Esprimo profondo cordoglio per le vittime e sincera vicinanza alle persone rimaste ferite a causa degli eventi calamitosi – ha dichiarato il ministro per i rapporti con il Parlamento e la democrazia diretta, Riccardo Fraccaro -. Il Paese è duramente colpito dall’ondata di maltempo e il nostro ringraziamento va ai soccorritori che in queste ore sono impegnati sul territorio – ha aggiunto -. A nome mio personale e del governo porgo le più sentite condoglianze per la morte del Vigile del fuoco volontario deceduto durante le attività di soccorso a San Martino in Badia”.