Ucraina, medaglia al valore ai 13 marinai uccisi perché non si sono arresi sull’isola dei serpenti. «Russi, andate a farvi f…e»

«Russi andate a farvi f…e». Erano 13 marinai ucraini, di stanza all’Isola dei serpenti, un isolotto controllato da Kiev a 300 chilometri dalla Crimea nel Mar Nero occidentale. Un isolotto sperduto, ma importante per la sua posizione strategica. Così, quando sono arrivati i russi, i 13 militari hanno deciso di farsi uccidere piuttosto che arrendersi.

In un audio si sente la voce di un ufficiale russo che intima: «Questa è una nave da guerra militare. Questa è una nave da guerra militare russa. Vi suggerisco di deporre le armi e di arrendervi per evitare spargimenti di sangue e perdite inutili. Altrimenti verrete bombardati». Poi, il silenzio e la risposta: «Nave da guerra russa, vai a farti fottere». E, infine, il rumore delle bombe.

La registrazione è stata diffusa da diversi media ucraini tra cui il quotidiano online ucraino Ukrayinska Pravda, ed è stata condivisa sui social media da Anton Herashchenko, consigliere del ministero dell’Interno ucraino. Secondo quanto riferito, la marina russa ha bombardato l’isola con i cannoni dal ponte di due navi, la «Moskva» e la «Vasily Bykov», prima di inviare soldati a bordo per prendere il controllo dell’Isola dei serpenti.

Nel suo discorso dopo il primo giorno dell’invasione del suo paese, il presidente Volodymyr Zelensky ha confermato l’accaduto e ha annunciato la decisione di assegnare postuma a tutti i soldati la medaglia Eroe dell’Ucraina. «Tutte le guardie di frontiera sono morte eroicamente ma non si sono arrese», ha detto Zelensky. Zelensky ha confermato che i 13 militari che difendevano l’avamposto erano tra gli almeno 137 civili e militari uccisi nel primo giorno di guerra tra Russia e Ucraina.

L’isola dei serpenti – conosciuta come isola di Zmiinyi in ucraino – si trova vicino alle coste ucraine e rumene del Mar Nero ed è stata oggetto di una disputa territoriale tra Russia e Ucraina. Sull’isola è situata una stazione di ricerca marina e i suoi confini marittimi abbracciano un’area considerata strategicamente importante per le risorse energetiche, compreso il petrolio.

L‘isola è stata bombardata giovedì dalla marina militare russa che ha preso il largo dai porti di Crimea assumendo così il controllo dello specchio di mare davanti alle coste dell’Ucraina. Il luogo era stato scelto da Zelenskyy nell’agosto 2021 per un evento stampa in vista di un vertice sulla Crimea. «Questa isola, come il resto del nostro territorio, è terra ucraina e la difenderemo con tutte le nostre forze», aveva detto il presidente ucraino in un’intervista in agosto.

Prima dell’inizio dell’invasione, la Marina russa ha mobilitato altre sei navi della flotta settentrionale e della flotta baltica per rafforzare le capacità anfibie nel Mar Nero. La flottiglia combinata ha la capacità di sbarcare forze su scala sulla costa; alcuni analisti hanno previsto che questa forza sia abbastanza grande da essere utilizzata per operazioni tattiche, ma che sia troppo piccola per prendere da sola un obiettivo strategico importante come Odessa. Nel Mediterraneo, invece, una forza di navi da guerra della Marina russa – tra cui due incrociatori missilistici guidati classe Slava , progettati e costruiti per prendere di mira le portaerei – sono state schierate per esercitazioni prima dell’inizio dell’invasione. Poco dopo l’inizio delle ostilità, questa forza si è riunita in formazione compatta e ha iniziato a navigare verso est, lontano dalle forze della Nato e verso la base della Marina russa a Tartus, in Siria . Per questa ragione giovedì, il governo ucraino ha chiesto ufficialmente al governo turco di chiudere il Bosforo e i Dardanelli alle navi della marina russa.

Nel frattempo, il ministro della Difesa ucraino Hanna Malyar ha confermato che almeno 800 membri del personale russo sono stati uccisi finora. Sette unità aeree russe, sei elicotteri, più di 30 carri armati e 130 veicoli corazzati sono stati abbattuti.

Commenti Facebook

2 pensieri riguardo “Ucraina, medaglia al valore ai 13 marinai uccisi perché non si sono arresi sull’isola dei serpenti. «Russi, andate a farvi f…e»

  • Pingback: Ucraina, medaglia al valore ai 13 marinai uccisi perché non si sono arresi sull’isola dei serpenti. «Russi, andate a farvi f…e» - L'Irresponsabile

  • Pingback: "Fottetevi": i militari ucraini che non si sono arresi ai russi potrebbero essere ancora vivi - INFODIFESA

I commenti sono chiusi.

error: Content is protected !!