Assolto Carabiniere accusato di aver rubato una bottiglia di Gin. Fine di un’accusa infamante

«Fine di un incubo per un nostro Dirigente Sindacale, che per cinque anni ha fatto i conti con un’accusa infondata e infamante: accusato di aver rubato una bottiglia di gin»

Lo rende noto la segreteria regionale del Nuovo Sindacato Carabinieri (NSC) Emilia Romagna.

Il caso approdò alla Procura della Repubblica di Ravenna nel 2017 attraverso una corposa informativa firmata dal Capitano Giuseppe Mercatali, all’epoca Comandante della Compagnia di Cervia Milano Marittima. La brillante attività investigativa dell’ufficiale – in cui parrebbe essere rientrata anche una richiesta di accertamento con l’etilometro, in un contesto estraneo alla circolazione stradale – è costata allo sfortunato collega e nostro Dirigente un calvario di circa cinque anni.

Nel pomeriggio del 25 febbraio 2022, il Giudice del Tribunale di Ravenna, dott. Tommaso Paone ha emesso la propria sentenza assolvendo il collega, che oggi può dirsi libero da un’accusa infamante quanto odiosa e vergognosa.

«Ci stringiamo intorno al collega Dirigente e alla sua famiglia, che speriamo possano dimenticare questa brutta esperienza e tornare alla serenità, dopo anni di pensieri e sofferenze (evitabili aggiungeremmo). NSC rivolge il proprio ringraziamento ai professionisti che hanno seguito e tutelato il collega, gli avvocati Emanuela Rijillo e Alessandro Docimo, il cui garbo e professionalità ne distinguono ancora una volta l’azione. Un augurio di buon lavoro, infine, all’ufficiale Giuseppe Mercatali, nel frattempo promosso al grado di Tenente Colonnello» conclude il sindacato.

Commenti Facebook
error: Content is protected !!