UCCIDE ANZIANA, ROMENO AI DOMILIARI. IL PROCESSO SLITTA PERCHÉ I CC NON HANNO L’AUTO

I carabinieri non hanno un’auto di servizio a disposizione per portare
l’imputato in tribunale, e così il processo slitta. E’ Il Giornale a
denunciare l’ennesimo – e incredibile – caso di malagiustizia.

​Zoro Radu, detenuto agli arresti domiciliari ad Artena, sarebbe dovuto
comparire questa mattina davanti alla corte d’appello di Roma, ma i giudici
sono stati costretti a rinviare tutto a fine aprile per l’impossibilità dell’imputato di
presentarsi in aula.

Era il 20 febbraio 2013 quando Giuseppa Fornieri, pensionata di 83 anni, morì per le gravi
ferite riportate durante uno scippo avvenuto
qualche giorno prima. La donna era caduta mentre stava scendendo da un bus alla
fermata di via di Torrenova, nella periferia nord della Capitale.

Sulle prime l’ipotesi fu quella di una caduta accidentale. Qualche giorno
dopo, però, il figlio della donna raccontò che la madre prima di morire gli
aveva raccontato che qualcuno l’aveva spinta nel tentativo di strapparle la borsa.

Gli investigatori riuscirono a rintracciare alcuni passeggeri del bus, e,
uno raccontò quello che aveva visto: un uomo si era avvicinato all’anziana e,
al momento dell’apertura delle porte del bus, aveva tentato di strapparle la
borsa da sotto il braccio. Di lì, la spinta, la caduta e le ferite poi
rivelatesi mortali.

In primo grado l’uomo è stato
condannato a cinque anni con l’accusa di omicidio preterintenzionale: nel 2013 causò la morte di un’anziana nel corso di uno scippo.

Ora si attende la sentenza d’appello, sempre che si riesca a celebrare il
processo.

today.it
Commenti Facebook

Lascia un commento

error: Content is protected !!