SALVINI INCONTRA I SINDACATI DI POLIZIA: “CONTRATTO, NUOVO RIORDINO, ASSUNZIONI E PENSIONI”

Si è svolto ieri mattina l’incontro tra le sigle sindacali della Polizia ed il Ministro Salvini in ottemperanza al dlgs 165/1995 che prevede la consultazione delle organizzazioni sindacali in occasione della predisposizione della legge di bilancio.

“Il Ministro Salvini, nell’illustrare quanto predisposto nella legge di stabilità ancora invia di definizione, per le note “divergenze” sul deficit con l’Europa, ha garantito che ci sarà comunque grande attenzione nei confronti delle donne e uomini delle forze dell’ordine.” E’ quanto riporta il SAP in un comunicato. “Già con il Decreto Sicurezza sono state previste risorse per il nuovo riordino delle carriere e che con la legge di stabilità, saranno ulteriormente finanziate sino a 100-120 milioni di euro, in tal modo sarà possibile intervenire per correggere l’attuale provvedimento che non ha accolto le esigenze del personale e non ha migliorato l’efficienza dell’apparato.

Tutto ciò, solo per sanare il grave errore degli 80 euro in nero del Governo Renzi. Nel Decreto sicurezza, inoltre, sono state stanziate le risorse per il pagamento degli straordinari in esubero per l’anno 2018, dovuti alle numerose emergenze ma, soprattutto,per far fronte alla forte carenza di organico.

Molto importante, è anche aver destinato 49 milioni di euro per equipaggiamenti e manutenzioni alle strutture. Un primo importante passo per sanare la grande debilitazione di tutto l’appartato conseguente ad oltre 10 anni di costanti tagli al comparto sicurezza.Inoltre, il SAP ha giudicato di fondamentale importanza la norma che prevede, per chi si rende responsabile di violenza o resistenza a pubblico ufficiale oppure di lesioni gravi o gravissime ad un pubblico ufficiale in ordine pubblico la perdita del diritto al soggiorno per protezione umanitaria con immediato rimpatrio. Finalmente viene restituita dignità a chi veste una divisa. Infatti, il SAP ha provveduto a sottolineare al Ministro, la necessità di un insieme di norme che consentano a tutti gli operatori delle forze dell’ordine, di operare in modo adeguatamente tutelato. Chiaramente, chi sbaglia deve pagare ma, oggi, il sistema tutela più i criminali rispetto a chi la legge la deve fare rispettare. Si dovrà andare da adeguate tutele legali per gli operatori di polizia sino all’introduzione per tutti, di telecamere sulle divise, sulle auto di servizio e negli ambienti dove operiamo con persone sottoposte a misure di polizia.

Particolarmente importante, anche il finanziamento straordinario previsto nella legge di stabilità, di nuovi arruolamenti per superare la legge Madia che, per la Polizia di Stato,ha tagliato gli organici di quasi 14.000 unità ed oggi presentano una carenza di ulteriori 10.000 unità. Al riguardo, sono in essere solamente due procedure per inserimento in ruolo di nuovo personale per l’anno 2019, ossia 654 unità di volontari in ferma prefissata e 459 unità per scorrimento graduatoria concorso personale civile, per un totale di 1.113unità.

Per ulteriori arruolamenti si sarebbe dovuto bandire un concorso ex novo nel rispetto dei nuovi parametri di arruolamento previsti dal riordino delle carriere. L’ovvia conseguenza, sarebbe stata quella che il prossimo anno gli organici complessivi, attesi i circa 2000-2500 pensionamenti previsti per il prossimo anno, sarebbero ancora diminuiti.La proposta del SAP è stata quella effettuare in deroga lo scorrimento del concorso da 1182 per il personale civile, atteso che vi sono tantissimi ragazzi che hanno preso voti altissimi e sarebbe sufficiente sottoporli a visita per avviarli immediatamente al corso. La nostra proposta è stata accolta dal Ministro che valuterà la possibilità di scorrimento della graduatoria con atto normativo da approvare in tempi strettissimi.Per quanto riguarda il finanziamento del contratto di lavoro, si dovrà provvedere verosimilmente con leggi di stabilità del prossimo anno, poiché ad oggi è ancora vigente il contratto triennale sottoscritto all’inizio di quest’anno. Mentre dovrà essere completata la coda contrattuale riguardante la parte normativa ed eventualmente quella accessoria.

In merito a quest’ultima, abbiamo chiesto che venisse ulteriormente finanziata poiché l’ultimo contratto, ha inteso incrementare solo la quota fissa dello stipendio lasciando pressoché inalterate le indennità che remunerano proprio i “sevizi su strada” o comunque più disagevole e ad impatto operativo, quali i servizi esterni, le indennità per servizio notturno e festivo, ordine pubblico, gli straordinari ecc.Inoltre, dovrà essere finanziata l’area negoziale per il personale dirigente, in modo tale che possa essere aperto il tavolo già dal prossimo anno.

Infine, è stata chiesta attenzione riguardo alcuni aspetti previdenziali che necessitano interventi normativi al fine di eliminare alcune sperequazioni con il personale militare come ad esempio il riconoscimento di una aliquota pari al 44% della base pensionabile per il personale con più di 15 anni ma meno di 20 di contributi con sistema retributivo ed il riconoscimento del cd “moltiplicatore” anche per il personale riformato.Il Ministro Salvini insieme al Sottosegretario Molteni, nel mostrare apprezzamento per tutto il lavoro svolto quotidianamente dalle forze dell’ordine sul territorio, ha ribadito l’importanza che per il loro Esecutivo rivestono la sicurezza e gli uomini che la devono garantire, assicurando altri fatti concreti oltre quelli realizzati nei primi sei mesi di Governo e che sarà rivolta grande attenzione per quanto riguarda non solo gli aspetti retributivi e di carriera, ma anche le dotazioni, le strutture degli Uffici e degli alloggi di servizio.”