0
Shares
Pinterest Google+

Il nuovo anno 2018 inizia con la Riforma della visita fiscale, con un’apposito decreto il Governo ha introdotto delle novità e modificato alcune procedure che riguardano i lavoratori del settore pubblico quando si assentano dal lavoro per malattia, nell’articolo vediamo quali sono tutte le principali novità, cosa cambia e cosa invece resta immutato dal prossimo 13 gennaio 2018, data in cui saranno operative le nuove procedure.

Visita Fiscale 2018: ripetuta nei fine settimana e nelle festività

Una delle principali novità che dal 2018 entrerà in vigore per le visite fiscali è sicuramente il numero di visitie e le modalità con cui potranno essere effettuate, con l’inizio del nuovo anno infatti il Medico Fiscale potrà visitare il lavoratore malato a ripetizione durante festività, ponti, weekend e giorni di riposo, anche se la visita è già stata fatta e persino nella stessa giornata.

Le nuove  modalità sono state introdotte allo scopo di diminuire i costi per le pubbliche amministrazioni e assicurare dei controlli più efficaci per le assenze per malattia.

L’Inps, difatti, potrà inviare più controlli, tutti i giorni ed anche per più volte al giorno, il tutto grazie all’istituzione del nuovo Polo unico per le visite fiscali, anche durante le giornate festive e di riposo. In questo modo, le verifiche sulle assenze per malattia sono condotte in modo sistematico e ripetitivo e non è più possibile fare affidamento sull’esenzione da ulteriori controlli dopo la prima visita fiscale.

Visita Fiscale anche dal primo giorno di malattia

Altra novità riguarda la prima visita fiscale che il lavoratore potrà ricevere dal medico INPS, nel caso in cui l’assenza per malattia avvenga in una giornata antecedente o successiva a un giorno festivo o non lavorativo, resta ferma la regola che prevede che la visita fiscale scatti sin dal primo giorno.

Orari Visita Fiscale 2018 non cambiano

Un aspetto che invece non cambierà saranno le fascie orarie in cui il lavoratore malato dovrà essere reperibile al proprio domicilio.

I dipendenti pubblici, e più in generale i lavoratori statali (insegnanti, dipendenti della P.A., degli enti locali, i militari, vigili del fuoco, Asl, enti locali), che si assentano per malattia hanno l’obbligo di reperibilità 7 giorni su 7, inclusi i festivi, con le seguenti fasce orarie.

Orari visite fiscali dipendenti pubblici:

  • E’ prevista la reperibilità al mattino nelle seguenti fasce orarie: dalle ore 9.00 e le 13.00;
  • E’ prevista la reperibilità al pomeriggio nelle seguenti fasce orarie: dalle ore 15.00 alle 18.00.

Durante tali orari i lavoratori, dipendenti pubblici in malattia potrebbero ricevere le visite fiscali (dal 2015 i controlli sono effettuati direttamente dall’Inps), e pertanto sono tenuti a farsi trovare presso l’indirizzo comunicato al momento della dichiarazione di inizio malattia.

Novità Visita Fiscale 2018 chi è interessato?

Non tutti i lavoratori statali saranno interessati da queste novità sulle visite fiscali, restano infatti escluse le seguenti categorie di lavoratori pubblici:

  • Forze armate: Esercito, Marina militare, Aeronautica militare;
  • Corpi di polizia ad ordinamento militare: Guardia di Finanza e Carabinieri;
  • Corpi di polizia ad ordinamento civile: Polizia dello Stato e Polizia Penitenziaria;
  • Corpo nazionale dei vigile del fuoco, escluso il personale volontario.
  • Dipendenti degli enti pubblici economici, gli enti morali, le aziende speciali.

Visita fiscale per infortunio o malattia professionale

Le novità che abbiamo appena illustrato sulle visite fiscali 2018 non riguarderanno gli infortunii professionali o la malattia professionale, in questi due casi la competenza resta sempre dell’INAIL, nessuna visita fiscale può dunque essere disposta dall’Inps in questi casi, nonostante l’istituzione del polo unico per le visite fiscali.

Previous post

"MAMMA FOLGORE": PRESIDENTE MATTARELLA, LA MEMORIA SI PERDE

Next post

MILITARI E POLIZIA: SENZA PREVIDENZA COMPLEMENTARE, PENSIONI DA FAME